12.8 C
Roma
martedì 6 Dicembre 2022
Lettera daI nuovi palinsesti Tv americani sotto l'influenza di Wall Street

I nuovi palinsesti Tv americani sotto l’influenza di Wall Street

Autore del contenuto

Il mondo televisivo americano si sta preparando al tradizionale bazar di metá maggio, quando le reti anticipano alle agenzie pubblicitarie e agli inserzionisti i loro palinsesti per l’autunno 2022-primavera 2023, con un evento chiamato “Upfront”.

Per quanto riguarda il settore broadcast, per la nuova stagione televisiva le reti (principalmente Abc, Cbs, Nbc, Fox e CW) stanno esaminando 36 nuovi “piloti” per l’Upfront a New York City, che si terrà dal 16 al 19 maggio come indicato dall’illustrazione, di cui 24 dramma (fiction) e 12 commedie. I “piloti” sono episodi completi di ciascuna della serie proposte.       

Una volta che i piloti vengono approvati dai programmatori sulla base dei pareri dei pubblicitari, le case di produzione passano alla loro produzione. Ultimamente, per risparmiare, alcune reti TV approvano direttamente le nuove serie a livello di sceneggiatura, senza passare per una “prova” visiva, il che puó funzionare per una fiction, ma raramente si rivela ideale per le sit-com, dove é importante accertare la cosiddetta “chemistry” tra gli attori.

Questa nuova stagione prevede il piú basso numero di serie proposte dai broadcaster negli ultimi 10 anni: a partire da 98 nuove serie nel 2013, fino ad arrivare a 60 nel 2020, e a quasi la metá due anni dopo (queste escludono le poche nuove serie proposte dalle Tv cavo). Il motivo é da ricercarsi nella prioritá che oggi analisti ed investitori di Wall Street danno alla Tv per abbonamento via streaming, sacrificando la Tv generalista via etere. 

Quest’ultima “evoluzione” ha causato tanti cambiamenti strutturali, infatti, oltre al minor numero di nuove serie, le case di produzione (per la maggior parte composte dagli studio di Hollywood che sono anche proprietari delle reti) hanno ridotto il numero delle nuove serie collocate sul mercato internazionale per utilizzarle nelle loro piattaforme streaming internazionali. 

Tutto ció ha fatto si che gli studio abbiano perso molte delle entrate generate dalle vendite dei programmi sul mercato internazionale (circa 3 miliardi di dollari l’anno per studio), senza ancora mostrare i profitti dalle attivitá streaming. L’aspetto piú convoluto di questa evoluzione é che le nuove serie prodotte per le reti Tv negli Usa non generano nuovi abbonamenti poiché non sono ancora apprezzate o note a livello internazionale. Inoltre, indebolendo le loro reti broadcast, gli studio stanno perdendo uno strumento per generare nuovi abbonati.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.