10.8 C
Roma
lunedì 8 Marzo 2021

Stefano Rolando

Stefano Rolando è nato a Milano nel 1948, dove si è laureato in Scienze Politiche e specializzato alla Scuola di direzione aziendale della Bocconi. Tra vita e lavoro si è da sempre articolato tra Milano e Roma. E' professore universitario, di ruolo dal 2001 all’Università IULM di Milano dopo essere stato dirigente alla Rai e all'Olivetti; direttore generale dell'Istituto Luce, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Consiglio Regionale della Lombardia. Insegna Comunicazione pubblica e politica e Public Branding. Ha scritto molti libri sia su media e comunicazione che di storia, politica e questioni identitarie. Da giovanissimo è stato segretario dei giovani repubblicani a Milano, poi ha partecipato al nuovo corso socialista tra anni settanta e ottanta. Poi a lungo non appartenente. Più di recente ha lavorato sul civismo progressista (Milano e Lombardia) e su un progetto politico post-azionista in relazione al quale è parte della direzione nazionale di Più Europa.

Stefano Rolando

Stefano Rolando è nato a Milano nel 1948, dove si è laureato in Scienze Politiche e specializzato alla Scuola di direzione aziendale della Bocconi. Tra vita e lavoro si è da sempre articolato tra Milano e Roma. E' professore universitario, di ruolo dal 2001 all’Università IULM di Milano dopo essere stato dirigente alla Rai e all'Olivetti; direttore generale dell'Istituto Luce, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Consiglio Regionale della Lombardia. Insegna Comunicazione pubblica e politica e Public Branding. Ha scritto molti libri sia su media e comunicazione che di storia, politica e questioni identitarie. Da giovanissimo è stato segretario dei giovani repubblicani a Milano, poi ha partecipato al nuovo corso socialista tra anni settanta e ottanta. Poi a lungo non appartenente. Più di recente ha lavorato sul civismo progressista (Milano e Lombardia) e su un progetto politico post-azionista in relazione al quale è parte della direzione nazionale di Più Europa.
Advertisment

Per le libertà di espressione, contro la falsificazione della realtà

L'intenzione è quella di iscrivere questo tema nell'agenda della campagna elettorale europea perchè esso è un tema che può avere adeguate politiche di fronteggiamento solo connettendo Italia ed Europa. Si pensava di farne un evento...

Conferenza sulle libertà di espressione e contro l’alterazione della realtà

Settimana prossima a Milano la conferenza di +Europa.  Sulle libertà di espressione e contro l’alterazione della realtà Utilizzo questa “finestra” per annunciare una conferenza che ha bisogno di comunicazione in una rete di...

Non è più solo un problema di destra e sinistra

Questa sera – anzi poco fa – tra le 21.00 e le 21.10 sono successi due fatti che polarizzano in modo esemplare settanta anni di storia politica italiana. In entrambi i casi è...

Non è più solo un problema di destra e sinistra

30 aprile 2019 Questa sera – anzi poco fa – tra le 21.00 e le 21.10 sono successi due fatti che polarizzano in modo esemplare settanta anni di storia politica italiana. In entrambi i casi è...

Fotografato il sentimento politico degli europei: solo 1 su 5 imiterebbe Brexit

Restano contrapposti dubbi e speranze, ma non più di uno su cinque imiterebbe la Brexit. Il sentimento reale dei gialloverdi in questa Europa resta minoranza. La campagna elettorale per il rinnovo del Parlamento europeo...

Cittadini in cammino per far bello il Giambellino

Si avvia a Milano una storia di autogestione del public branding. Mi chiama un’amica, giornalista con sensibilità culturali, al Giorno da molti anni. E per far subito capire con non è la frequente telefonata...

La fiducia e l’Europa. Il rebus del voto giovanile

Ilvo Diamanti introduce con tempestività la temperatura affettiva dei cittadini europei nei confronti dell’Europa, nel momento in cui si sta passando, in tutti i paesi, dalle schermaglie alla comunicazione d’assalto.  Su Repubblica (lunedì 15 aprile) arriva l’indagine...

Le cinque riforme di Guy Vehrofstadt

Le cronache politiche sui media sono ormai tutte prese dalla guerra "a tavolino" tra Salvini e Di Maio, costruita per il bisogno dei media di avere una cosetta sensazionale al giorno. E...