19.9 C
Roma
giovedì 28 Maggio 2020

Stefano Rolando

Stefano Rolando è nato a Milano nel 1948, dove si è laureato in Scienze Politiche e specializzato alla Scuola di direzione aziendale della Bocconi. Tra vita e lavoro si è da sempre articolato tra Milano e Roma. E' professore universitario, di ruolo dal 2001 all’Università IULM di Milano dopo essere stato dirigente alla Rai e all'Olivetti; direttore generale dell'Istituto Luce, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Consiglio Regionale della Lombardia. Insegna Comunicazione pubblica e politica e Public Branding. Ha scritto molti libri sia su media e comunicazione che di storia, politica e questioni identitarie. Da giovanissimo è stato segretario dei giovani repubblicani a Milano, poi ha partecipato al nuovo corso socialista tra anni settanta e ottanta. Poi a lungo non appartenente. Più di recente ha lavorato sul civismo progressista (Milano e Lombardia) e su un progetto politico post-azionista in relazione al quale è parte della direzione nazionale di Più Europa.

Stefano Rolando

Stefano Rolando è nato a Milano nel 1948, dove si è laureato in Scienze Politiche e specializzato alla Scuola di direzione aziendale della Bocconi. Tra vita e lavoro si è da sempre articolato tra Milano e Roma. E' professore universitario, di ruolo dal 2001 all’Università IULM di Milano dopo essere stato dirigente alla Rai e all'Olivetti; direttore generale dell'Istituto Luce, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Consiglio Regionale della Lombardia. Insegna Comunicazione pubblica e politica e Public Branding. Ha scritto molti libri sia su media e comunicazione che di storia, politica e questioni identitarie. Da giovanissimo è stato segretario dei giovani repubblicani a Milano, poi ha partecipato al nuovo corso socialista tra anni settanta e ottanta. Poi a lungo non appartenente. Più di recente ha lavorato sul civismo progressista (Milano e Lombardia) e su un progetto politico post-azionista in relazione al quale è parte della direzione nazionale di Più Europa.
Advertisment

Recensioni di libri di viaggio. Coronavirus ed il dopodomani

Premessa. Oggi è il fatidico 18 maggio Mentre il clima di questa domenica – in qualche parte d’Italia – era di mordere il freno per la “ripartenza”,...

Gianni De Michelis e la sua storia di uomo di governo: colloquio con Giuliano Amato

11 maggio. Un anno dalla scomparsa. Nel gruppo dirigente socialista che gestisce l’impostazione del “cambiamento” dopo la crisi elettorale del 1976 – dunque il passaggio dal comitato...

Nel giornalismo in prima linea su Coronavirus c’è anche la satira. Il posto conquistato da Propaganda Live.

Mi si consentirà di uscire per un momento dal seminato di analisi dei format principali che sono in campo nella grande battaglia dei media attorno alla pandemia: la rete, la...

Mentre l’Europa – con duro confronto – decide, i nostri media questa volta fanno ricreazione

Surreale a volte la sfasatura tra i tempi delle decisioni e i tempi delle indecisioni. Abbiamo nei giorni scorsi lodato i media per lo sforzo in atto...

Giornalismo di cronaca e giornalismo d’inchiesta

La crisi,  da sofferenza a processo. Sì alla vigilanza, no al giustizialismo. I media di uno Stato libero con diritti costituzionali in materia di informazione non...

Coronavirus: lodi e anatemi sull’Italia

La regola della marineria è che, in particolare in tempesta, guida il comandante. La necessità di fare catena, in una filiera di comando non divorata da liti furibonde...

Comunicazione e coronavirus. Nuovi toni e vecchi galli da combattimento

Il dibattito pubblico è come un sismografo. Se è senza impennate, se i toni si attutiscono, se la polemica si contiene, la curva è come quella delle corse in pianura....

Nuovo dialogo intergenerazionale, alla faccia di Coronavirus

Ho svolto ieri la mia prima lezione a distanza, dopo una settimana di sospensioni della didattica in tutte le università italiane, settimana spesa a recuperare il ritardo organizzativo del nostro approccio al...