12.1 C
Roma
mercoledì 26 Gennaio 2022

Stefano Rolando

Stefano Rolando è nato a Milano nel 1948, dove si è laureato in Scienze Politiche e specializzato alla Scuola di direzione aziendale della Bocconi. Tra vita e lavoro si è da sempre articolato tra Milano e Roma. E' professore universitario, di ruolo dal 2001 all’Università IULM di Milano dopo essere stato dirigente alla Rai e all'Olivetti; direttore generale dell'Istituto Luce, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Consiglio Regionale della Lombardia. Insegna Comunicazione pubblica e politica e Public Branding. Ha scritto molti libri sia su media e comunicazione che di storia, politica e questioni identitarie. Da giovanissimo è stato segretario dei giovani repubblicani a Milano, poi ha partecipato al nuovo corso socialista tra anni settanta e ottanta. Poi a lungo non appartenente. Più di recente ha lavorato sul civismo progressista (Milano e Lombardia) e su un progetto politico post-azionista in relazione al quale è parte della direzione nazionale di Più Europa.

Stefano Rolando

Stefano Rolando è nato a Milano nel 1948, dove si è laureato in Scienze Politiche e specializzato alla Scuola di direzione aziendale della Bocconi. Tra vita e lavoro si è da sempre articolato tra Milano e Roma. E' professore universitario, di ruolo dal 2001 all’Università IULM di Milano dopo essere stato dirigente alla Rai e all'Olivetti; direttore generale dell'Istituto Luce, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Consiglio Regionale della Lombardia. Insegna Comunicazione pubblica e politica e Public Branding. Ha scritto molti libri sia su media e comunicazione che di storia, politica e questioni identitarie. Da giovanissimo è stato segretario dei giovani repubblicani a Milano, poi ha partecipato al nuovo corso socialista tra anni settanta e ottanta. Poi a lungo non appartenente. Più di recente ha lavorato sul civismo progressista (Milano e Lombardia) e su un progetto politico post-azionista in relazione al quale è parte della direzione nazionale di Più Europa.
Advertisment

Il copione delle elezioni per il Quirinale fin qui scritto solo a metà

Berlusconi ha interpretato la sua parte. Tutto il resto del sistema politico per ora non ha avuto copione. Vorrei riportare il dibattito quirinalizio – che da giorni si è infilato nel refrain antico...

Il nonno e le zie

Mettiamola così. Mario Draghi ha diritto di giudicare se stesso. Ovvero di considerare che la missione di emergenza affidatagli da Mattarella abbia concluso un tempo. Perché e’ evidente che nel sistema evolutivo...

Fantapolitica. Come si può immaginare la corsa al Quirinale

Troppi sono ancora i vincoli pregiudiziali che si affollano attorno alle “presidenziali” dei primi di febbraio. La prima pietra di inciampo – Draghi sì o Draghi no – la scioglierà solo lui. E...

Quell’ossessione del cosiddetto centro, più fragile che splendida

“E’ tornata la splendida ossessione del centro”, così ha intitolato l’editoriale di Domani, firmato da Nicola Imberti, in una domenica soleggiata e tiepida, di quelle che orientano all’ottimismo. Salvo che la nube...

Proviamo a metterci, oggi, nei panni di Enrico Letta

Dieci giorni nelle vaghezze o nelle scelte coraggiose. Sono sicuro che Enrico Letta (legittimamente “vincitore”) ha sul tavolo la sintesi sulle percentuali di voto di M5S nelle città capoluogo che hanno votato....

Caso Morisi. Niente moralismi o ipocrite ritorsioni

Riflettere rapidamente su come tornare a separare, con regole chiare, comunicazione istituzionale e comunicazione politica. La scivolata occorsa a Luca Morisi – il capo della comunicazione selvaggia che ha popolarizzato e soprattutto polarizzato...

Partiti in Pronto Soccorso: Le scadenti ragioni dei dualismi, le incertezze delle vie d’uscita

Viaggio nel Pronto Soccorso dei partiti politici italiani/5 - Conclusioni Per consolidare una moderna democrazia servono partiti rigenerati e serve una riforma della politica che vale come un PNRR. Se non ora quando? Il...

Lib-dem, il centro che c’è e che non c’è

Viaggio nel Pronto Soccorso dei partiti politici italiani/4 L’esistenza del PD e di Forza Italia, nello schema di costruzione di ampie alleanze bilaterali per una sorta di democrazia dell’alternanza di stampo anglo-americano, ha...