13 C
Roma
giovedì 21 Gennaio 2021

Stefano Rolando

Stefano Rolando è nato a Milano nel 1948, dove si è laureato in Scienze Politiche e specializzato alla Scuola di direzione aziendale della Bocconi. Tra vita e lavoro si è da sempre articolato tra Milano e Roma. E' professore universitario, di ruolo dal 2001 all’Università IULM di Milano dopo essere stato dirigente alla Rai e all'Olivetti; direttore generale dell'Istituto Luce, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Consiglio Regionale della Lombardia. Insegna Comunicazione pubblica e politica e Public Branding. Ha scritto molti libri sia su media e comunicazione che di storia, politica e questioni identitarie. Da giovanissimo è stato segretario dei giovani repubblicani a Milano, poi ha partecipato al nuovo corso socialista tra anni settanta e ottanta. Poi a lungo non appartenente. Più di recente ha lavorato sul civismo progressista (Milano e Lombardia) e su un progetto politico post-azionista in relazione al quale è parte della direzione nazionale di Più Europa.

Stefano Rolando

Stefano Rolando è nato a Milano nel 1948, dove si è laureato in Scienze Politiche e specializzato alla Scuola di direzione aziendale della Bocconi. Tra vita e lavoro si è da sempre articolato tra Milano e Roma. E' professore universitario, di ruolo dal 2001 all’Università IULM di Milano dopo essere stato dirigente alla Rai e all'Olivetti; direttore generale dell'Istituto Luce, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Consiglio Regionale della Lombardia. Insegna Comunicazione pubblica e politica e Public Branding. Ha scritto molti libri sia su media e comunicazione che di storia, politica e questioni identitarie. Da giovanissimo è stato segretario dei giovani repubblicani a Milano, poi ha partecipato al nuovo corso socialista tra anni settanta e ottanta. Poi a lungo non appartenente. Più di recente ha lavorato sul civismo progressista (Milano e Lombardia) e su un progetto politico post-azionista in relazione al quale è parte della direzione nazionale di Più Europa.
Advertisment

Se il PD fosse…

Se il PD fosse un grande partito con la vista lunga, consapevole che questo è il momento di lasciarsi alle spalle gli impacci di ideologie ambigue, di difese di una “ditta” senza...

A prescindere da Conte e Renzi

Vorrei prescindere, per i pochi minuti della lettura di queste righe, dalla sfida che ha preso connotati da cinema western tra Renzi e Conte.Anche se proprio oggi pochissimi prescinderanno da questi due...

Comunicazione, pandemia e società. Cosa ereditiamo dal 2020

Gianni Dominici, sociologo formatosi al Censis e direttore da tempo di Forum PA, conduce da mesi – ovviando alle restrizioni antiCovid sugli eventi – serrate e frequenti video-interviste a molti operatori che...

Che ruolo avrà Barack Obama nell’America obamiana che apre il sipario a gennaio?

Spigolature dalla lettura di “Una terra promessa” Che ruolo avrà Barack Obama nell’America obamiana che tenterà da gennaio di depurare gli States e soprattutto la complessa società profonda dai trasudi limacciosi, rancorosi e...

Francesco Rutelli “Tutte le strade partono da Roma” – Recensione.

Francesco Rutelli ribalta il motto universale su Roma e “tutte le strade”.Un inventario che mostra le fondamenta di una rigenerazione del “Brand Roma”. Dal titolo stesso (“Tutte le strade partono da Roma”) il...

Covid-19: la fase tre è aspra e grigia

La carta comunicativa del vaccino-arrivano-i-nostri comporrà i conflitti e riunirà moralmente la società? Da febbraio a settembre, tra la fase uno e la fase due. Ho gestito quotidianamente un monitoraggio universitario sulla “rappresentazione mediatica...

Sulla sanità in Calabria “spettacolo” televisivo tra Merola e Pirandello

Io non ho istintiva simpatia per Massimo Gilletti e il suo modo di far protagonismo giornalistico (io ho visto, io ho detto, io ho mandato, io ho voluto…) appartiene alla linea Gianfranco...

Gigi Proietti, molto più che l’erede di Petrolini

Nel giorno del suo ottantesimo compleanno Gigi Proietti è stato stroncato dall’infarto che stamattina era notizia allarmata sui quotidiani. Sconcerto e dolore diffusi per tutta la giornata. Qui un ricordo che coglie...