12.2 C
Roma
giovedì 22 Aprile 2021

Stefano Rolando

Stefano Rolando è nato a Milano nel 1948, dove si è laureato in Scienze Politiche e specializzato alla Scuola di direzione aziendale della Bocconi. Tra vita e lavoro si è da sempre articolato tra Milano e Roma. E' professore universitario, di ruolo dal 2001 all’Università IULM di Milano dopo essere stato dirigente alla Rai e all'Olivetti; direttore generale dell'Istituto Luce, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Consiglio Regionale della Lombardia. Insegna Comunicazione pubblica e politica e Public Branding. Ha scritto molti libri sia su media e comunicazione che di storia, politica e questioni identitarie. Da giovanissimo è stato segretario dei giovani repubblicani a Milano, poi ha partecipato al nuovo corso socialista tra anni settanta e ottanta. Poi a lungo non appartenente. Più di recente ha lavorato sul civismo progressista (Milano e Lombardia) e su un progetto politico post-azionista in relazione al quale è parte della direzione nazionale di Più Europa.

Stefano Rolando

Stefano Rolando è nato a Milano nel 1948, dove si è laureato in Scienze Politiche e specializzato alla Scuola di direzione aziendale della Bocconi. Tra vita e lavoro si è da sempre articolato tra Milano e Roma. E' professore universitario, di ruolo dal 2001 all’Università IULM di Milano dopo essere stato dirigente alla Rai e all'Olivetti; direttore generale dell'Istituto Luce, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Consiglio Regionale della Lombardia. Insegna Comunicazione pubblica e politica e Public Branding. Ha scritto molti libri sia su media e comunicazione che di storia, politica e questioni identitarie. Da giovanissimo è stato segretario dei giovani repubblicani a Milano, poi ha partecipato al nuovo corso socialista tra anni settanta e ottanta. Poi a lungo non appartenente. Più di recente ha lavorato sul civismo progressista (Milano e Lombardia) e su un progetto politico post-azionista in relazione al quale è parte della direzione nazionale di Più Europa.
Advertisment

Rapporti con i cittadini e rinnovamento dell’amministrazione

Una porta appena dischiusa per invertire impoverimento professionale e insufficiente strategicità In questi ultimi giorni ha preso corpo l’accelerazione di un progetto che in sé è il plastico rovesciamento di un luogo comune:...

Celebrazione con sussulto

Per noi ex-studenti del liceo classico questo strattonamento di Dante con sommovimenti di vestali e di parlamentari è una questione che va dritta sull’apparato vascolare.   Nei giorni scorsi ho alleggerito la tensione...

L’ex-silenzio di Mario Draghi

Non mi è passata nemmeno per l’anticamera del cervello l’idea di influenzare con un articoletto il presidente del Consiglio dei Ministri (che non mi è venuta nemmeno ai tempi in cui prendevo...

L’emblema della Repubblica Italiana

L’emblema della Repubblica Italiana è caratterizzato da tre elementi: la stella, la ruota dentata, i rami di ulivo e di quercia. Il ramo di ulivo simboleggia la volontà di pace della nazione,...

Una difficile chance chiamata Enrico Letta

La vaccinazione più difficile. Quella del PD contro il professionismo degli opportunisti. Alberto Giannoni, giornalista milanese che ha avuto formazione nel solco del socialismo riformista, scrive un post dal carattere ironico che più...

Carlo Tognoli, una vita nell’incessante cantiere del riformismo

Nella percezione degli italiani Carlo Tognoli risulta tutt’oggi in controtendenza rispetto al milanese bauscia (arrogantello e maleducato) dello stereotipo rigenerato dal “Milanese imbruttito”. Cioè risulta come un esponente bonario, gentile, sobrio, riservato ed...

Sia permesso un colpo di tosse

Comunicazione istituzionale. Il presidente Draghi non ha più parlato agli italiani dal 17 febbraio. Mercoledì 17 febbraio il presidente del Consiglio Mario Draghi parla in Senato, in forma memorabile, per avviare il confronto...

Caro Draghi: Il vecchietto dove lo metto?

Nel rispetto per un bel discorso programmatico, in cui il progetto “repubblicano” si regge su una idea di Paese attorno al quale lo sguardo è alle riforme da non rimandare (ispirazione cavouriana)...