9.7 C
Roma
mercoledì 3 Marzo 2021

Stefano Rolando

Stefano Rolando è nato a Milano nel 1948, dove si è laureato in Scienze Politiche e specializzato alla Scuola di direzione aziendale della Bocconi. Tra vita e lavoro si è da sempre articolato tra Milano e Roma. E' professore universitario, di ruolo dal 2001 all’Università IULM di Milano dopo essere stato dirigente alla Rai e all'Olivetti; direttore generale dell'Istituto Luce, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Consiglio Regionale della Lombardia. Insegna Comunicazione pubblica e politica e Public Branding. Ha scritto molti libri sia su media e comunicazione che di storia, politica e questioni identitarie. Da giovanissimo è stato segretario dei giovani repubblicani a Milano, poi ha partecipato al nuovo corso socialista tra anni settanta e ottanta. Poi a lungo non appartenente. Più di recente ha lavorato sul civismo progressista (Milano e Lombardia) e su un progetto politico post-azionista in relazione al quale è parte della direzione nazionale di Più Europa.

Stefano Rolando

Stefano Rolando è nato a Milano nel 1948, dove si è laureato in Scienze Politiche e specializzato alla Scuola di direzione aziendale della Bocconi. Tra vita e lavoro si è da sempre articolato tra Milano e Roma. E' professore universitario, di ruolo dal 2001 all’Università IULM di Milano dopo essere stato dirigente alla Rai e all'Olivetti; direttore generale dell'Istituto Luce, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Consiglio Regionale della Lombardia. Insegna Comunicazione pubblica e politica e Public Branding. Ha scritto molti libri sia su media e comunicazione che di storia, politica e questioni identitarie. Da giovanissimo è stato segretario dei giovani repubblicani a Milano, poi ha partecipato al nuovo corso socialista tra anni settanta e ottanta. Poi a lungo non appartenente. Più di recente ha lavorato sul civismo progressista (Milano e Lombardia) e su un progetto politico post-azionista in relazione al quale è parte della direzione nazionale di Più Europa.
Advertisment

Letture estive: “Io sono il Potere”, ovvero il cinismo rarefatto

“Io sono il potere”, confessioni di un capo di gabinetto anonimo che si dichiara “della Prima, della Seconda e della Terza Repubblica”, che Giuseppe Salvaggiuolo (capo della redazione politica della Stampa) ha...

Il grande giornalista che considerava il “vocabolario” il libro preferito

Di prima mattina filtra in rete la notizia della scomparsa ieri sera di Sergio Zavoli. A 96 anni, diventa una notizia attesa, alla quale i grandi giornali si preparano. Così che Antonio...

Il confronto tra Camera USA e giganti del web apre una fase nuova del dibattito su democrazia e digitalizzazione

Mentre in Italia un piccolo libro di Marco Bracconi racconta queste preoccupazioni in forma di lettera a Covid-19. Ieri Il Boston Globe ha scritto un articolo che ha per titolo “Oggi è la...

Il compagno di scuola diventato “Asteroide 4701”

Congedi (in ritardo)Andrea Milani (Firenze 11.6.1948-Ghezzano 28.11.2018). I compagni di scuola, quelli più stretti, quelli legati – al di là della scuola stessa – alla vita, alle opzioni, alle narrazioni personali, al decifrare...

Lunga sera in tv per ricostruire l’inquietante storia della guerra del Vietnam

La “guerra calda” che soppiantò la “guerra fredda”. Ma anche una storia esemplare di resistenza che diede voce a una generazione. Non solo alla generazione comunista. Andrea Purgatori (Atlantide): venti anni in tre...

Ma siamo nella fase due, nella fase tre o nella fase quattro?

Il rischio è che, mentre i tedeschi si preparano al piano sociale della spesa pubblica con le regole europee, noi facciamo esplodere mille soggettività all’insegna del liberiamoci dal lockdown. C’è persino incertezza nei...

Recensioni di libri di viaggio. Coronavirus ed il dopodomani

Premessa. Oggi è il fatidico 18 maggio Mentre il clima di questa domenica – in qualche parte d’Italia – era di mordere il freno per la “ripartenza”, altre due Italie hanno guardato con...

Gianni De Michelis e la sua storia di uomo di governo: colloquio con Giuliano Amato

11 maggio. Un anno dalla scomparsa. Nel gruppo dirigente socialista che gestisce l’impostazione del “cambiamento” dopo la crisi elettorale del 1976 – dunque il passaggio dal comitato centrale del Midas che porta Craxi...