11.7 C
Roma
venerdì 26 Febbraio 2021

Idea-Azione Buon 2019. Che tristezza! Che gioia!

Buon 2019. Che tristezza! Che gioia!

Autore del contenuto

Che tristezza il panorama della politica italiana in questo inizio d’anno, questo mix di giovinastri, straccioni, avvocaticchi e furbastri, tutti rigorosamente cittadini e mai Onorevoli! Che tristezza questo povero Paese popolato da conservatori inconsapevoli, sedicenti populisti, blogger da strapazzo, tifosi da bar, rivoltosi della domenica! E sempre le solite mafie, quelle vere e quelle di Ostia, mentre in TV imbonitori e pifferai continuano a fare schiamazzi. E il solito Salvini con i suoi proclami da ducetto di periferia, il suo linguaggio da trivio che invoca la legalità a giorni alterni e quando fa comodo.

Dall’altra parte imprenditori che tirano la carretta, lavoratori che faticano, donne che fanno diecimila cose diverse per campare e giovani disoccupati. Un Paese pieno dei soliti tesori e di talenti in cerca di prestigio. Il Belpaese che ha la forza di sopravvivere a una cultura vecchia e a una cronaca miserabile. Italiani brava gente, onesti e laboriosi, capaci di arrangiarsi e di inventarsi un altro giorno. Meno male che c’è Mattarella.

In mezzo maitre a pensè e governanti, giornalisti e politici, banchieri e creativi. In parole povere la classe dirigente, quella che sa come stanno le cose e le cose che bisogna fare. Sanno che l’Italia è invecchiata, si è ammalata, che ha poche speranze di farcela, ma quelli che la vogliono curare sono pochi. Di riforme parlano in tanti, che bisogna cambiare lo dicono tutti, ma la storia sta lì a dimostrare che il riformismo è un esercito senza soldati. Una volta c’erano i leader ma senza popolo.

Il popolo, quello vero, ha scelto. Era incazzato e dal balcone Giggino Di Maio gli ha dato la manovra del popolo. Mi ricorda il Nerone di Petrolini. Meglio un reddito di cittadinanza che nessun reddito, meglio un confortevole albergo a 5 stelle ad una miserabile pensioncina di periferia. O una bella calibro 38 invece di uno scacciapensieri. Giù la maschera: i conservatori non sono a destra, ma a sinistra, anzi al centrosinistra, il caro estinto. Insomma meglio una gran cagnara.

Adesso l’avvocato del popolo sta davanti ad un bivio: Europa si, Europa anche. Se la caverà? Ma certamente: la maggioranza voterà anche si, per tirare a campare. Sarà una bella campagna elettorale, da una parte il Truce e il Dibba, con Grillo rinchiuso nello sgabuzzino dell’albergo a 5 stelle dove fa il cameriere; da una (altra) parte Berlusconi, Meloni, Zingaretti e Martina fratelli, ex compagni e ex camerati, tutti insieme. Ci sono anche B&B, Bersani e la Boldrini, appassionatamente sotto un solo striscione: “Viva l’Italia così com’è” (e a chi proprio vuole cambiare gli diamo mezzo stipendio dei parlamentari, ha subito sentenziato il Giggino in veste di sciatore).

propositi per il 2019

E per noi impenitenti riformisti – convinti che non c’è nulla, ma proprio nulla di ciò che abbiamo conosciuto che valga la pena di essere messo nel freezer, tra le cose da conservare – l’unica cosa da fare è buttare tutto nel cassonetto, quello che c’è oggi e tutto quello che abbiamo visto e vissuto. Tutto da buttare? No! Nemmeno per sogno. Per noi irriducibili nostalgici, rigorosi legalitari della differenziata non ci rimane che buttare nell’organico quello che bolle in pentola (leggi il contratto di governo) e per il resto mettere ciò che è stato costruito in plastica con la plastica (leggi Forza Italia) e la carta con la carta (leggi il programma di Prodi). Alla fine non ci rimane che quell’album di vecchie foto a colori o in bianco e nero, con De Gasperi che parla alla Conferenza di Parigi oppure Craxi con un mazzo di garofani rossi nel pugno. No, l’album non lo buttiamo, sono le nostre radici, chiudiamo l’album e guardiamo fuori della finestra: all’orizzonte ci sembra di vedere il Futuro, tanto bello o tanto brutto, ma tutto da scoprire. Che gioia!

P.S. Una cosa è certa: un popolo che rinnega il suo passato non è un popolo ma una tribù.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.