8.4 C
Roma
venerdì 5 Marzo 2021

Diario Scomodo Che cos’è la vita senza il denaro? Forse vale poco, ma non...

Che cos’è la vita senza il denaro? Forse vale poco, ma non se ne può comprare un’altra

Autore del contenuto

Ognuno ha la propria visione del Coronavirus. Oltre al pericolo della vita, che mi pare per molti passi in secondo piano, c’è chi teme che della paralisi delle attività approfittino le mafie per rafforzarsi e reclutare affiliati. C’è anche chi cerca di nasconderlo perché, tanto prima o poi gli anziani debbono morire e, pazienza, se gli si rubano gli ultimi anni di vita. I nordici approfittano per dileggiare l’Italia e dettare la propria supremazia in Europa. La maggior parte, vuole tornare al lavoro. Mi chiedo cosa succederebbe se scoppiasse una guerra e dovessimo rimuovere i cadaveri e pure le macerie.

Se con la cultura non si mangia e con la scienza non si guarisce, siamo messi proprio male

Si brancola nel buio, ognuno dice la sua. Qualcuno nella speranza di dare una mano, altri per confondere le idee. C’è chi si diverte in tempo di virus.  Non c’è un farmaco né altro antidoto. Altro che vaccino! Non si vede ancora la fine. Ecco perché tanti incoscienti contravvengono le regole. Tanto, le multe si pagheranno nell’aldilà. Per illuderci che c’è un futuro riaprono le librerie, ma vuote di sapere. Come se bastasse scavare un pozzo perché esca il petrolio. Vedo già folle oceaniche che comprano libri inutili e persino dannosi. A scriverli sono gli stessi dei messaggi su Facebook.

Siamo al punto di partenza senza alcun progresso, ma per farci coraggio comincia la fase due

L’unica scoperta seria della comunità scientifica sono le mascherine. Finalmente sono arrivate. Senza non si potrebbe andare alla spiaggia. i farmacisti possono specularci, esenti dal reato di aggiotaggio. Riaprono finalmente i negozi di giocattoli e le attività di svago anziché quelle lavorative. Seppure in difficoltà, cerchiamo in qualsiasi modo di far soldi. Olandesi e tedeschi preferiscono la guerra dello spread, non gli Eurobond. Tanto, muoiono gli altri, non gli immortali. Tranne Zaia, che cambia continuamente parere com’è oggi di moda, ci siamo tolti dalle palle quelli che non era niente.

Quando se ne va un galantuomo come Franco Lauro, il mondo non può rimanere tale e quale

Dovremmo meditare sulla sua personalità e il suo comportamento, sulle gioie e le soddisfazioni che ha provato, sui sacrifici che si è imposto per non calpestare mai nessuno in una società egoista e malevola. Non solo noi giornalisti, ma chiunque. Non lo conoscevo, ma vedendolo spesso in TV sentivo che era un uomo migliore di altri, da prendere a esempio e da imitare. Sempre gentile, leale, corretto, rispettoso. Era un  gran signore. Ci lascia con grande anticipo a soli 58 anni. Ma con una lunga scia di ammirazione e rimpianto, come se avessimo perso un familiare. Anzi, un amico.

Chissà se riaprono barbieri, parrucchieri, fiorai, estetiste e pedicure. È già prevista una fase tre?

Sono questi i servizi veramente utili. Dei negozi di giocattoli possiamo fare a meno perché appartengono all’epoca dei nostri antenati. E poi, ormai i pochi bambini che ci sono si divertono solo con lo smartphone. I vestiti, sia per loro che per gli adulti, si acquistano su internet. I negozi più stanno chiusi più guadagnano. Pure la spiaggia fa parte della fase due? Si deve aspettare l’estate per andarci? Sono questi i quesiti di cui si attende risposta. Un tempo erano esaltati e pazzi a uccidere gli anziani nelle case di riposo. Oggi, grazie al Coronavirus e all’idiozia, ci pensano le stesse istituzioni.

Non credo nel castigo di Dio perché il nostro è un Dio buono e paziente, tutt’al più indaffarato

Però, ce lo meritavamo. Troppo arroganti, presuntuosi, senza rispetto per gli altri e anche un po’ ladri. Ma seppure non trovassimo un vaccino né un antidoto, prima o poi l’incubo finirà. Questi eventi, come noi, non sono  eterni. Nascono e muoiono. Come sono finite la peste, il colera, la spagnola e altri morbi letali, passerà anche il Coronavirus. Non contano i decessi. Solo se diminuiscono i contagi vuol dire che l’epidemia sta finendo. Chissà se ne trarremo un insegnamento. Come saremo dopo? Certo migliori, perché peggio non è possibile. Stavamo già toccando il fondo.

Non si potrebbero, intanto, sospendere i responsabili, che sembrano più incapaci del normale?

Pare che nell’ultimo conflitto mondiale, durato cinque anni, a Milano siano morte appena duemila persone. Mentre col Coronavirus, in soli due mesi, i decessi sono già undicimila. Una manna per l’INPS che era al collasso, non sapendo come pagare le pensioni. Da un po’ di tempo abbiamo la mania dei figli unici e della longevità. Non è possibile. O l’uno o l’altro. Allora facciamola ogni tanto una guerra, visto che il danno è così esiguo, anziché far morire gli anziani nelle case di riposo a centinaia. La procura indaga. Ma quando si concluderà l’inchiesta, saremo già all’epidemia successiva.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.