L’estate più pazza della Repubblica poggia le sue fondamenta, e ne evidenzia una qualità nuova, sul rapporto tra politica, forme delle leadership e strumenti della comunicazione che stanno evolvendo sotto l’egemonia delle tecnologie digitali. Le forme della politica, i modelli di organizzazione interna di partiti e movimenti e le diverse “cessioni di sovranità” che i singoli concedono alle strutture a cui partecipano e votano, la struttura e la forma degli strumenti della formazione del consenso che nell’era digitale tende a coincidere con quella organizzativa e a isoformarsi alle sue logiche e strutture, la percezione della propria condizione umana che slitta dal vissuto al percepito, le opzioni politiche disponibili nell’universo “dell’offerta politica” verso le quali siamo indirizzati, costituiscono una derivazione della più generale forma della relazione di fondo su cui poggia la società contemporanea: L’industria dei sensi.

È un “tutto”, un unicum, che progredisce come un “blob”, riproducendo se stesso e inglobando la realtà all’interno della propria “logica”.  Dentro questa permanente essudazione di se stessa, questa formazione sociale inverte il rapporto tra processi materiali e percezione della propria condizione personale, una dimensione e un rapporto sempre più complesso che si sviluppa tra gli interessi che prima dell’era industriale avremmo definito “reali” e quelli percepiti dal nuovo individuo che abita le società egemonizzate da “L’industria dei sensi”. Inutile sperare che la “materialità” faccia riemergere una consapevolezza della propria condizione. Una azione politica per la sua costruzione, infatti, deve innescare un “corpo a corpo” con il senso della vita e della propria condizione e aspirazione prodotta da l’industria dei sensi e che poggia il proprio funzionamento non solo sulle più avanzate tecniche e tecnologie di costruzione della percezione della vita, ma sull’efficienza di una struttura industriale che mira al profitto nel proprio funzionamento e attira risorse planetarie per il proprio funzionamento.

La costruzione del senso della vita, quello che compone gli elementi della sua quotidianità materiale, delle scelte “concrete” – che facciamo dal momento in cui apriamo gli occhi fino a quando andiamo a dormire, passando per l’organizzazione della settimana, con i suoi riti di passaggio e di relazione, finendo per l’organizzazione dello svolgimento dell’anno solare con le sue feste, gli appuntamenti sociali e quelli personali e sono costellati dal susseguirsi dei mesi e dei relativi “obblighi” sociali – è ormai una costruzione, un prodotto industriale, una merce stessa. La grande fabbrica delle merci (materiali e immateriali) si poggia sulla più grande produzione di una meta-merce generalizzata: il consumatore.

Le scelte politiche “disponibili” sono ormai misurabili solo nella capacità di definizione del livello di consumo e delle sue attese. La costruzione di “senso”, infatti, abilita la costruzione di un “con-senso” politico di fondo al modello di questa formazione economico-sociale. Tutti, nel loro linguaggio e nei loro programmi, devono pre-annunciare che la loro proposta politica porterà ad un aumento della capacità di consumo del segmento sociale a cui si pensa di rispondere in termini di consenso. Il modello di fondo, quello del consumo, non viene intaccato e la “religione della crescita” ha ormai egemonizzato ogni proposta politica. Nessuna voce riesce, realmente, ad intaccare lo schema di questo modello imposto dalla necessità di valorizzazione del capitale attraverso il denaro che la finanza ha imposto. Oggi sappiamo che il capitalismo industriale, quello basato sulla domanda-offerta di “beni fisici” è fallito già nel 1929 e che da quel momento la possibilità di vita di questo modello poggia sulla creazione di un debito che genera interessi da riconoscere e che impone una crescita crescente (la tirannia del PIL) che ha portato al consumo dell’intero pianeta. Per questo la lotta sulla forma delle strutture della comunicazione rappresenta il centro della battaglia politica tra le classi, molto di più di forme che siamo stati abituati a pensare come centrali.

Le proposte populiste e sovraniste poggiano sull’illusione che sia possibile garantire tale infinito sviluppo attraverso la costruzione di nuovi “confini” che consentano a quel determinato popolo di garantirsi non tanto la “sovranità” di nuove regole di vita, di produzione, di nuovi rapporti tra le classi, ma il mantenimento del proprio permanente aumento dei consumi a scapito di altri popoli che dovrebbero rispondere, con le buone o le cattive, alle logiche di funzionamento del proprio benessere.

sfruttamento popoli
Lo sfruttamento dei popoli è condizione necessaria per il mantenimento del permanente aumento dei consumi di una parte della popolazione mondiale

A queste proposte non si risponde difendendo i “valori umani” sul piano dell’etica. Vanno costruiti processi materiali generali che riconoscono la nuova forma della composizione delle classi sociali e dei loro “interessi olistici”, della loro condizione generale di vita e, oggi, potremmo dire addirittura di vera e propria sopravvivenza. Il passaggio della rottura degli equilibri climatici con i suoi portati di alterazione delle condizioni di vita e della sua riproduzione, infatti, non ci concede il tempo di confronti e scontri su aspetti marginali che l’agenda politica imposta dalle strutture dell’industria dei sensi impone alle nostre società. Abbiamo bisogno di nuove analisi e nuove teorie e, quindi, di nuove organizzazioni e gruppi dirigenti se vogliamo dare una chance di sopravvivenza non solo alla “classe degli sfruttati” ma alla maggioranza delle forme viventi che abitano il pianeta.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Avatar
Sergio Bellucci, giornalista e scrittore, dirigente politico e manager, ha scritto numerosi editoriali, articoli e saggi sui temi della comunicazione e della società dell'informazione. Membro del Comitato d'Onore dell'Osservatorio Internazionale sull'Audiovisivo e la Multimedialità (OIAM) della Fondazione Roberto Rossellini per l'Audiovisivo. È stato dipendente del gruppo Fininvest dal 1978 e fino al 1993, durante tale periodo ha svolto anche attività sindacale nella CGIL come membro della Segreteria Nazionale della FILIS. Dal 1995 al 2006 è stato responsabile nazionale della Comunicazione per il Partito della Rifondazione Comunista. Dal febbraio del 2013 è direttore del quotidiano Terra e nel 2014 è diventato Presidente della Free Hardware Foundation Nel libro E-work. Lavoro, rete e innovazione analizza l'impatto delle nuove tecnologie digitali sulla vita umana con una particolare attenzione al mondo del lavoro. Secondo le sue analisi, l'avvento del digitale comporterebbe una "nuova organizzazione scientifica del lavoro", definita "taylorismo digitale", attraverso un impiego distorto della rete. Nelle tesi di E-work si prospetta la nascita del "lavoro implicito", il lavoro effettuato obbligatoriamente, senza nessuna retribuzione e attraverso strumentazione a carico del lavoratore, che le piattaforme digitali stanno espandendo nel loro ciclo produttivo. Insieme a Marcello Cini ha scritto “Lo spettro del capitale. Per una critica dell'economia della conoscenza” analisi del cambiamento epocale del capitalismo avvenuto negli ultimi venti anni: il passaggio da un'economia materiale ad un'economia immateriale, che produce un bene intangibile e non mercificabile: la conoscenza.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: