15.8 C
Roma
giovedì 26 Novembre 2020

Network Dal videotelefono a Zoom: l'evoluzione continuerà?

Dal videotelefono a Zoom: l’evoluzione continuerà?

Autore del contenuto

Aumentano le persone che sono soggette ad un “affaticamento da zoom” a causa dell’ampio uso che si fa di questa tecnologia per vedersi ed incontrarsi virtualmente. Questo utilizzo fuori dalla norma ci é stato imposto dalla pandemia e dalla facilitá dell’uso del video streaming, cioé della tecnologia digitale online. 

La domanda che ci si pone ora è se le conferenze, riunioni ed incontri via Zoom o Zoom meetings – come le videoconferenze e le videochiamate vengono ormai comunemente chiamate – rimarranno altrettanto popolari e ampiamente utilizzate una volta che la pandemia verrà finalmente estinta. 

La scorsa settimana, dopo l’annuncio che tra pochi mesi saranno disponibili almeno due vaccini efficaci contro il COVID-19, le azioni in borsa della Zoom sono scese del 25% in due giorni. Va notato che, anche se Skype della Microsoft è stato il primo a rendere popolari le videochiamate online dal 2003, la pandemia ha reso famosa la società per azioni Zoom (la cui app è stata introdotta nel 2011), tanto che la parola “zooming” (collegarsi via Zoom) è diventata un verbo comune tanto quanto “googling” (fare le ricerche via Google).

È interessante notare che giá nel 1912 si parlava di lavorare a distanza o in modo “smart”. Infatti, il “Wall Street Journal” ha ricordato che nell’edizione del luglio 1912 della rivista “Cassier’s Magazine”, alcuni redattori scrissero che “quando la telefonata arriva con la faccia della persona con cui si sta parlando, non sarà piú necessario che le persone vadano in ufficio”. 

Una delle prime applicazioni online per le videochiamate via streaming é stata la CU-SeeMe, sviluppata da Cornell University e introdotta commercialmente nel 1993. L’app è ora di proprietà della Spirent Communications del Regno Unito. Un’altra app nota per le videochiamate online è FaceTime della Apple, introdotta nel 2010. 

Ciò che ora chiamiamo video streaming ha in realtà una lunga storia. In effetti, la videotelefonia fu immaginata per la prima volta nel 1880, ma prima che potesse raggiungere la forma commerciale creata dalla società telefonica americana AT&T nel 1964, passò attraverso diversi stadi, a partire dalla telefoto della Western Union nel 1921, il videotelefono a circuito chiuso nel 1936 e la telecopia (o fax) della Western Unione nel 1948.  

Affinché AT&T potesse presentare nel 1964 il primo videotelefono commerciale, i suoi laboratori (Bell Labs) iniziarono gli esperimenti nel 1927. Comunque AT&T dovette sospendere la commercializzazione nel 1973 per via della scarsa popolarità causata dal suo alto costo: un canone mensile di 160 dollari, e 25 centesimi per ogni minuto aggiuntivo dopo i primi 30 minuti. L’equivalente odierno rispettivamente di 1.343 dollari per il canone e 2 dollari per ogni minuto aggiuntivo. Da considerare, comunque, che fino a pochi anni fa il servizio di videoconferenza online costava migliaia di dollari.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.