15.8 C
Roma
giovedì 26 Novembre 2020

In evidenza De Magistris in TV

De Magistris in TV

Autore del contenuto

In una recente trasmissione televisiva, su rete nazionale, il sindaco di Napoli ha assistito senza alcuna sensibile reazione alle devastazioni prodotte da alcuni facinorosi per le strade della “sua” città, per nulla reattivo alle sollecitazione della conduttrice, tanto da dimostrare chiaramente la distanza che lo separa dalla città che amministra. Una figuraccia che ha ricordato a qualcuno l’immagine dell’imperatore Nerone che suonava la lira mentre l’incendio divampava su Roma.

Il primo cittadino continuava a parlare, senza alcun contraddittorio, di qualcosa che non aveva nulla a che fare con la reale situazione della città, dei suoi problemi, delle sue criticità, continuando a proporsi come un paladino di ingiustizie; del resto è quanto ha fatto e continua a fare in altre analoghe occasioni lasciando sconcertati i cittadini napoletani. Così com’è anche accaduto in una ancóra più recente trasmissione domenicale condotta dal mutevole Giletti, quello stesso Giletti che, da nemico della napoletanità minacciato di denuncia dall’ex magistrato de Magistris, è divenuto un suo compagno di merenda.

Chi vive a Napoli non può non notare come da un po’ di tempo a questa parte sia ormai frequente la presenza di de Magistris in vari talk show nei quali, però, sarebbe giusto che egli riferisse dei veri problemi di Napoli e sarebbe auspicabile, oltre che professionalmente giusto, che i giornalisti gli ponessero domande sull’operato in città, senza estendere il discorso su questioni di rilevanza nazionale che non riguardano le sue attuali funzioni e competenze. È evidente che al Sindaco non andrebbe bene parlare delle conseguenze disastrose di oltre nove anni della sua amministrazione (?); una situazione pessima per la qualità dei servizi, per le generali condizioni di vivibilità e per il distorto impegno in attività che esulano del tutto dall’ordinaria gestione di una città. Questo, però, è un problema di de Magistris che non può condizionare il corretto cómpito del giornalista di turno.

Ed è proprio questo che deve rimproverarsi all’ormai amico Giletti; di non domandare mai nulla a proposito dell’esito di quasi un decennio di amministrazione della città, invitandolo, invece, a polemizzare con De Luca, distraendo così il pubblico da quello che è l’effettivo fallimento della gestione de Magistris, disastroso anche sotto il profilo contabile. Ciò a Giletti non interessa, mentre sarebbe giusto che ne sapessero tutti, non soltanto i napoletani che già ne sanno tanto e sulle proprie spalle.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.