Di Maio, il crollo del ponte e la scatoletta di tonno

Caro Direttore,

i tragici eventi di Genova mi portano a scriverle, anche in un periodo che avrebbe dovuto essere di riposo, per alcune considerazioni non tanto sul crollo del ponte, quanto sulle successive dichiarazioni di Di Maio, Salvini e del Premier Conte.

Mario Pacelli

Che il ponte costruito su progetto di Riccardo Morandi a Genova nel 1967, 51 anni fa, in base ad un brevetto registrato dallo stesso progettista, non potesse avere ancora lunga vita era opinione largamente diffusa, suffragata da inconfutabili elementi di fatto (debolezza degli stralli di sostegno in cemento armato, carenze nelle tecniche di realizzazione dell’opera, deterioramento del piano stradale e dei pilastri di sostegno e via dicendo).

Genova, ponte Morandi
Genova, ponte Morandi dopo il crollo. Photo Credit: Vigili del Fuoco

La società autostrade, a quel tempo appartenente al gruppo IRI, fece gran chiasso sulla realizzazione dell’opera, a suo tempo quasi avveniristica, ma ci si rese conto già una ventina di anni dopo che il nuovo ponte era un colosso dai piedi d’argilla: furono spesi soldi per sostituire gli stralli originali con altri di ferro, per rattoppare il cemento che si sgretolava, per bilanciare il piano stradale, ma alla fine ci si rese conto che si trattava solo di palliativi: fu progettata allora una variante di fondo valle (la cosiddetta “Gronda Bassa”), ma il progetto non fu approvato. Fu ipotizzata allora una diversa variante (la “Gronda Alta”) alle pendici della montagna retrostante. Entrambi i progetti avrebbero richiesto la demolizione di un gruppo di case: da qui la costituzione di un comitato “No Gronda”, contrario alla realizzazione sia dell’uno che dell’altro progetto, in quanto avrebbe costretto gli abitanti delle case da demolire a traslocare altrove.

No TAV, no TAP, No Gronda: il panorama complessivo divenne dunque quello di gruppi cittadini che si opponevano alla realizzazione di opere che venivano invece ritenute necessarie, nei primi due casi anche in base a trattati internazionali. Il Movimento 5 Stelle decise subito, in nome della democrazia diretta e telematica, di dare massimo spazio alle proteste dei comitati del NO. Per i No Gronda scese in campo persino Beppe Grillo che dal suo Blog scagliò violente invettive contro coloro che erano a favore dell’opera. Un comunicato del comitato No Gronda fu pubblicato su un Blog del Movimento 5 Stelle (anche se Di Maio sottolinea che non si trattava di quello ufficiale).

La società Autostrade, che avrebbe dovuto finanziare e realizzare la nuova infrastruttura bloccò l’iniziativa, probabilmente in quanto non gli sembrò valesse la pena trovarsi di fronte ad una nuova situazione conflittuale come quella del No Tav. Il Governo ebbe probabilmente la stessa preoccupazione, insieme con quella di non lasciare troppo spazio ai “Grillini”: il meccanismo decisionale si bloccò. Fu apparentemente una vittoria della democrazia diretta e telematica, tanto cara a Di Maio e compagni, ed una sconfitta di quella rappresentativa, rea di voler cacciare dalle loro case un gruppo di cittadini per voler realizzare un’opera pubblica: la scatoletta di tonno fu così svuotata.

La Gronda non è stata realizzata, il ponte è crollato, una quarantina di persone sono morte: sarebbe sciacallaggio farne risalire la responsabilità ai pentastellati, una responsabilità da ripartire equamente tra i diversi governi succedutisi nel tempo, che non hanno dato alla questione l’importanza che avrebbe avuto. Così come un contributo negativo alla soluzione del problema è venuto anche dalla illusione che occorresse, nella valutazione dell’opera, tener conto più dell’interesse di un gruppo ristretto di cittadini che di un più generale interesse pubblico.

Di Maio si è reso conto di tutto ciò e della minaccia che ne conseguiva al modello di democrazia propugnato dal Movimento di cui è il capo politico, ed al termine del Consiglio dei Ministri del 15 agosto, per distogliere l’attenzione dal problema, ha tuonato contro la Società Autostrade preannunciando una revoca della concessione delle Autostrade, impossibile previa un accertamento delle responsabilità e con il rischio di pagare, in caso di errore, parecchie decine di milioni di euro. Al termine dello stesso Consiglio dei Ministri, il Presidente, l’ormai celebre avvocato del Popolo, ha spiegato (lui professore universitario di diritto) che non si possono attendere i risultati delle inchieste giudiziarie. Quale differenza esiste ancora tra certe dichiarazioni al telegiornale e la sceneggiata napoletana?

Direttore Sodano

Caro prof. Pacelli,

che vuole che le dica, in questo momento in cui si dovrebbe udire solo il silenzio per rispetto dei morti, dobbiamo sopportare, oltre allo strazio, anche questo ulteriore scempio.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Avatar
Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: