14.6 C
Roma
martedì 29 Settembre 2020

martedi Emanuel Zoncato: leggiadria in pietra

Emanuel Zoncato: leggiadria in pietra

Autore del contenuto

Nasce a Vicenza nel 1975, luogo in cui si forma la cosiddetta “pietra di Vicenza”, impiegata sin dall’epoca romana per l’ottima lavorabilità ed utilizzata dai maggiori scultori ed architetti rinascimentali e del Seicento.

Scultore e cultore del bello si avvicina all’arte del levare negli anni di studio presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia per poi integrare tecnica e conoscenza, presso un antico laboratorio vicentino in cui la pietra si lavora a tutt’oggi con il metodo tradizionale.

Emanuel Zoncato affronta la pietra con entusiasmo e rispetto, portando alla luce ciò che, abbozzato su carta, sente appartenere al blocco stesso. Una pietra calcarea, leggermente argillosa con un colore variabile che va dal bianco al giallo paglierino a cui, nelle recenti sperimentazioni, aggiunge colore acrilico, rafforzandone l’equilibrio formale corrente nei suoi lavori.

Emanuel Zoncato: leggiadria in pietra

Emanuel Zoncato Face color #2
Emanuel Zoncato Face color #2

L’opera selezionata s’intitola Face color #2, parte di un ampio ciclo di sculture e recentemente esposta presso Villa Fiorentino, sede della Fondazione Sorrento. Un volto femminile, ricorrente nei suoi lavori, emana ieraticità, stabilità e grazia. Adagiato su di una parte non levigata ed “incastonato” tra due incisi di color rosso magenta, riporta alla mente l’esigenza atavica dell’essere umano di utilizzare il colore su superficie in pietra. Quel colore è per Emanuel Zoncato territorio da esplorare e possibile cifra stilistica, raccordo e supporto formale ai suoi volti che indagano l’essere umano nel profondo. Oltre i tratti somatici, levigati con dovizia maniacale, vi è l’uomo contemporaneo che in dialogo con il passato ne traccia il presente. Attraverso il suo intervento la parte grezza acquista forma e contenuto nuovi, preesistenti e che portati alla luce incarnano l’ ideale di bellezza insito nello scultore, in cui l’utilizzo di una base in plexiglas ancor più pone l’accento sul senso di armonia e libertà. La capacità di Zoncato sta altresì nel rendere il tutto euritmico e leggiadro, facendo obliare al fruitore la pesantezza del blocco iniziale e da cui il tutto trae origine.

Tecnica: Pietra di Vicenza, acrilico rosso magenta, plexiglas. Dimensioni 45x18x30 cm, Anno 2017.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.