9.5 C
Roma
domenica 24 Gennaio 2021

Network Essere preparati serve più che l'emergenza durante una pandemia

Essere preparati serve più che l’emergenza durante una pandemia

Autore del contenuto

Ecco un dilemma che vale per tutti i capi di stato (non necessariamente leader illuminati). Sappiamo che il presidente Usa Donald Trump era al corrente dell’imminente pandemia fin dalla fine del mese di novembre 2019. Sia il National Center for Medical Intelligence, che la Defense Intelligence Agency, i Joint Chiefs of Staff del Pentagono, e la Casa Bianca erano al corrente della pandemia che il Covid-19 avrebbe causato. E situazioni simili si sono verificate in Italia, Germania ed altri paesi del mondo.
Cosa sarebbe successo se il presidente Trump avesse ordinato misure di contenimento ancora a fine gennaio, subito dopo che la Cina imponeva il lockdown al focolaio cinese origine della pandemia, la città di Wuhan?

Secondo l’Università di Southampton in Inghilterra, se le autorità cinesi si fossero attivate il 16 gennaio (il primo paziente ad entrare in un ospedale di Wuhan e riconosciuto con il coronavirus risale al 16 dicembre 2019, in seguito gli ospedali della città ricoverarono altri 26 pazienti con il virus) ci sarebbero stati il 66% in meno di contagi. Quindi se Trump avesse messo in atto il lockdown a fine gennaio si potrebbe presumere che il contagio si sarebbe ridotto quasi del tutto.
Ed ecco il problema; con il paese in lockdown e l’epidemia sotto controllo, i cittadini si sarebbero chiesti il perché essere rinchiusi in casa senza un motivo tangibile.

Solo in seguito si è capito l’entità del problema e, come abbiamo visto, nonostante la gravità e l’emergenza della pandemia, molti hanno ignorato le regole per la prevenzione. Figuriamoci se l’emergenza non fosse stata tangibile: non solo pochi avrebbero osservato le misure cautelari, ma la popolazione avrebbe criticato severamente i provvedimenti.
La responsabilità di Trump, e degli altri capi di stato, sono da ricercare altrove, e soprattutto nella mancanza di preparazione, nell’assenza di piani di prevenzione e nella carenza organizzativa.
Il fatto che Trump e gli altri capi di stato non erano preparati è più grave ed inaccettabile dell’aver agito con ritardo nell’istituire lockdowns e restrizioni di contatti. Mentre il secondo errore è scusabile, la mancanza di preparazione nonostante i molteplici avvertimenti non ha scuse.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.