10.3 C
Roma
lunedì 8 Marzo 2021

martedi Franco Paternostro - Identitarie soluzioni informali

Franco Paternostro – Identitarie soluzioni informali

Autore del contenuto

Quest’oggi esploriamo l’universo artistico di Franco Paternostro. Di origini calabrese, tutt’oggi vive e sperimenta la sua ricerca a Cosenza, città natia.

Poliedrico, spontaneo, indagatore del bello. Dopo una intensa fase di studi e sperimentazioni, intervallati da un approfondimento dedicato al settore dell’arte orafa e gemmologica, attualmente si concentra nella indagine di una tecnica del tutto personale. Nascono opere di chiara derivazione informale e spazialista ma che raccontano di una evidente matrice identitaria.

In realtà il lavoro di Paternostro lambisce più declinazioni artistiche inaugurate negli anni Cinquanta.

Una ricerca che guarda all’opera d’arte quale risultato di un processo creativo fine a se stesso, immune da un valore formale e che si esaurisce con l’atto stesso della realizzazione. Un artista contemporaneo che sintetizza un profondo bisogno di tradurre in arte la precarietà del nostro tempo. E lo fa scegliendo un materiale “apparentemente” fragile come la carta che, sottoposta ad un processo di lavorazione e pigmentazione, assume potenzialità inedite dando luogo a risultati di notevole impatto visivo-emozionale.

Franco Paternostro
“Leggere fragilità” di Franco Paternostro

L’opera selezionata s’intitola “ Leggere fragilità”, un’ elaborazione inedita, realizzata nel periodo del lockdown e presentata al pubblico in occasione di una mostra istituzionale a Sorrento il “SyArt Sorrento Festival” presso Villa Fiorentino e visitabile sino al sei settembre.

Un lavoro singolare, fortemente ammaliatore. Colpisce la forza dei colori, l’effetto traslucido ottenuto grazie al processo a cui sottopone la carta che, una volta oleata e pigmentata, assume nuove connotazioni informali. Esplosioni pigmentate per l’appunto, materia che trasborda in un movimento verso l’esterno, in un tentativo di coinvolgere il fruitore non solo sul piano emozionale.

La tecnica: carta oleata, resina e pigmenti. Dimensioni 90 x 90 cm.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.