27.8 C
Roma
martedì 4 Agosto 2020

Economia&Finanza Il commento del Direttore Sodano al Salone dei pagamenti di Milano

Il commento del Direttore Sodano al Salone dei pagamenti di Milano

Autore del contenuto

Ogni volta che il governo, di qualsiasi colore sia, avanza l’ipotesi di introdurre misure atte a ridurre l’uso del contante apriti cielo. Eppure in tutto il mondo la moneta elettronica ha sostituito quella di carta. E infatti a nessuno verrebbe in mente di prendere un aereo per andare a New York e portarsi dietro mazzette di euro o di dollari. Ma a Roma o a Milano sembra che ci dia fastidio. E ne facciamo un problema di libertà, che in verità non c’entra un cavolo.

E allora siamo andati al Salone dei Pagamenti che si è svolto per il quarto anno a Milano. Per noi comuni mortali, possessori di una sola carta di credito e di un conto corrente, la sorpresa è stata grande: stand bellissimi, musica e film dovunque, giochi di luce e gadget di tutti i tipi, insomma una fiera in piena regola come fosse il Tuttofood o quella del mobile. La parola d’ordine “digitale” e carte per tutti gli usi, per il credito ma anche per il debito, per l’acquisto di beni e per il pagamento a rate, insomma un po’ di tutto e a tutti i prezzi, come al mercato sotto casa.

A Milano Il Salone dei Pagamenti il 6 - 7 - 8 novembre 2019
A Milano Il Salone dei Pagamenti il 6 – 7 – 8 novembre 2019 (facebook.com)

Ma che fine hanno fatto le banche, quelle che conosciamo da quando siamo nati, dove facciamo la fila per pagare il conto o per accendere un mutuo? Sembra che il vecchio caro sportello non vada più di moda, lo ritroviamo in tv in un vecchio film in bianco e nero, roba da museo. Sembra che le banche tradizionali, quelle che si rivolgevano a un mercato ampio e che anche oggi hanno un sistema di offerta che vuole soddisfare tutti cittadini, famiglie e imprese, non funzioni più tanto bene. Per questo tipo di banche il modello di redditività tradizionale è a rischio perché hanno una struttura di costi da industria ricca, ma un volume di ricavi da industria povera. In definitiva sembra che abbiano una grande difficoltà a generare ricavi, da una parte la crisi economica ha abbassato il livello della domanda e dall’altra i vincoli normativi messi dalla BCE rendono più difficile sviluppare business. Ora queste banche sono alla ricerca di nuove soluzioni, per esempio aumentando le dimensioni attraverso operazioni di fusione anche se gli analisti ritengono che, su un orizzonte temporale medio-lungo, non sempre questa soluzione genera i benefici attesi. Forse la  soluzione a portata di mano è la riduzione dei costi, attraverso la razionalizzazione della rete delle filiali, che si riduce al solito taglio del personale e alla chiusura delle filiali, ma anche questa non è detto che generi i benefici voluti, perché sicuramente ha un impatto sulla contrazione dei costi ma non necessariamente aumenterà il volume dei ricavi.

E allora che fare? Nuovi prodotti e servizi diversi. Oltre ad una struttura più produttiva e snella, è necessario riorganizzare le attività e aumentare la quota dei portafogli in gestione, anche proponendosi come consulenti ma questo richiede competenze più ampie e un diverso modello di lavoro, lavorando più in team piuttosto che da soli.

Ma la vera e più difficile scommessa è la digitalizzazione della banca, ad iniziare dalle carte di credito e di debito. E ancora meglio coniugare questo con la conservazione delle filiali e soprattutto degli sportelli sul territorio. Al Salone dei Pagamenti ICCREA, il nuovo istituto che raggruppa 144 banche di credito cooperativo, si è presentato sfoggiando un ecosistema digitale a supporto dello sportello e per una fidelizzazione del cliente. E in una delle 80 sessioni della manifestazione dedicate agli scenari e le tendenze dell’innovazione a presentato il suo fiore all’occhiello: Ventis, un portale di shopping online con tanto di “ventiscard debit” pronta per i mobile payments. E siamo solo all’inizio – hanno raccontato Antonio Galliano, head of E-bank, Stiven Muccioli e Matteo Miconi – di una “rivoluzione” che vede la banca come una piattaforma su cui fornitori di beni e servizi, azionisti della banca e clienti allo sportello “dialogano” fra di loro creando vantaggi per se e valore per la banca.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.