3.8 C
Roma
martedì 26 Gennaio 2021

E se domani, e sottolineo il se... Il coronavirus e la libertà ridotta al massimo

Il coronavirus e la libertà ridotta al massimo

Read the article in English

Siamo stati a casa in questi giorni. All’interno delle nostre unità di clausura, viviamo momenti di isolamento sociale. Sono necessariamente momenti che ci fanno riflettere su come i leader che scegliamo di rappresentare riescono ad agire in una situazione di caos intenso e a combattere contro un nemico sconosciuto. L’astensione dal voto non è mai stata così inutile e vile. Nei Paesi che hanno eletto direttamente o indirettamente leader populisti, questi cittadini sono lasciati alla responsabilità di funzionari governativi che ingannano e ingannano i loro cittadini in una prospettiva da egoisti assicurando che non subiranno una recessione, per non perdere nei sondaggi delle prossime elezioni.

Minacciato di rispondere alla corte dell’Aia per un crimine contro l’umanità, Bolsonaro rappresenta questa figura criminale e demente che insiste nel contraddire le indicazioni dell’OMS, condannando a morte centinaia di migliaia di persone per irresponsabilità nell’atto di governo sociale e umano.

Il diritto di accesso alla libertà è oggi, qualcosa che abbiamo illusoriamente sentito di poter continuare ad avere. È iniziato a metà del secolo scorso, dopo le grandi guerre mondiali e in un momento in cui è iniziato il dibattito pubblico sull’eccesso di industrializzazione, sulla società dei consumi e sugli effetti sull’ambiente in un pianeta che ha cominciato a dare segni di stanchezza. Le grandi manifestazioni hippie e i movimenti per l’affermazione della libertà le Woodstocks degli anni ’60 che hanno animato tutto il mondo, hanno favorito la nascita di movimenti sociali che si sono radunati in comunità ecologiche e apologeti a piedi nudi, o la “Barefoot society”, comunità sostenibili nella difesa degli equilibri ambientali, liberi da quel capitalismo di cui sapevamo di non aver bisogno.

L’idea di liberare quel consumo è associata a un certo distacco materiale che non aveva bisogno di essere consumato per essere in equilibrio mentale con il mondo. Le ondate di yoga e meditazione che poi hanno cominciato a circolare nel mondo, provenienti dalle comunità buddiste e indù, sono luoghi in cui gli europei hanno cominciato a trovare nuove forme di equilibrio lontano dalla tradizionale fede paleocristiana che era già in declino. Un riflesso di ciò fu anche una nuova forma di architettura urbana, basata su case di abitazione e case di fango che costituivano comunità che seguivano le loro stesse regole sociali. La lotta per un equilibrio sostenibile o rigenerativo di cui il mondo ha tanto bisogno potrebbe essere l’ultimo accesso alla libertà, quella dell’intelletto, dell’opinione.

La libertà di cui abbiamo tanto bisogno e che sicuramente sarà messa in discussione in un mondo con 3 miliardi di abitanti, è l’ultima roccaforte che la società occidentale ha ancora il privilegio di pensare di avere. Nell’accedere all’online banking e alla digitalizzazione dei social network, nessuno è libero di agire nella geografia, nel contesto in cui opera, nelle scelte di consumo senza essere identificato nelle sue abitudini di acquisto, manipolato con manovre di marketing e vessato nei suoi valori morali da marchi e pseudo idee di successo materiale che la società capitalista ci impone.

Si scopre che la raccolta biometrica che ancora resistiamo ad accettare come forma di controllo sociale, sanitario e legale qui in Occidente, è la salvezza per la crisi del virus corona ad Est, e che l’identificazione e la connessione del profilo dell’individuo, alla sua residenza, può essere stata la ragione per cui questa epidemia è stata fermata così rapidamente in Corea del Sud e in Cina. L’accesso definitivo alla libertà è la falsa idea che siamo stati padroni del nostro destino e che siamo stati in grado di decidere dove stavamo andando, come stavamo andando e con chi eravamo.

D’ora in poi, questa libertà è limitata solo al pensiero. Non è più possibile agire a spese della sicurezza dei gruppi a rischio, dei luoghi a rischio e delle scelte che potrebbero mettere a repentaglio la sicurezza globale. La differenziazione degli individui e questa libertà sarà sempre più la risposta intellettuale che ognuno di noi assume per le sue scelte sociali, e l’unica oggi, verso l’umanità, essendo probabilmente l’ultima libera proprietà dell’essere umano, l’intelletto. È probabile che nel confronto con una limitata esperienza di sopravvivenza, imprigionati nelle nostre stesse case, esposti al dolore della perdita di affetto, sia possibile risvegliare il bisogno di educazione di una generazione che si è allontanata dal potere, dalle decisioni sociali e dalla loro responsabilità per le conseguenze del tutto, in modo che questa libertà debba essere riconquistata quando tutti noi pensiamo che sia stata garantita.

Una nuova rubrica

Tra i molti dubbi che assillano la mia mente esattamente come la vostra in questi giorni una sola certezza credo di avere: quando torneremo alla vita di tutti i giorni, nulla sarà come prima. Stiamo affrontando una sfida che è riduttivo chiamarla organizzativa, è una sfida filosofica, è la visione del mondo che cambierà e sulla quale ci sarà da costruire il nuovo. “E se domani… e sottolineo “se” è una nuova rubrica che è aperta ai contributi di intellettuali, scienziati, artisti, uomini di cultura di tutta Europa. Seguiteci e mandate le vostre impressioni che pubblicheremo periodicamente con l’intendo di costruire una antologia delle idee.

Giampaolo Sodano

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornati sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.