20.4 C
Roma
lunedì 6 Luglio 2020

Network Il futuro per battere l'inquinamento sono i packaging edibili

Il futuro per battere l’inquinamento sono i packaging edibili

Autore del contenuto

Al giorno d’oggi, molte persone sono preoccupate per i rifiuti di plastica; tuttavia, la convenienza, le proprietà meccaniche e il costo degli imballaggi alimentari in plastica sono difficili da battere. Ma ora, secondo un articolo su Chemical & Engineering News (C&EN), il notiziario settimanale dell’American Chemical Society, prodotto in collaborazione con ACS Central Science, un numero crescente di innovatori e imprenditori sta cercando di realizzare imballaggi e stoviglie commestibili con alimenti come alghe marine, proteine del latte e fecola di patate.

Pellicole commestibili, involucri e cannucce hanno già trovato un mercato specializzato e stanno iniziando ad attirare l’attenzione delle grandi aziende alimentari e delle bevande, secondo il collaboratore freelance Prachi Patel. Alla Maratona di Londra del 2019, la start-up Notpla ha distribuito ai corridori assetati cialde per bevande sportive, confezionate in capsule a base di alghe marine. Anche se la confezione è sicura da ingoiare, i corridori possono scegliere di sputare la pellicola. In questo caso, si biodegrada in sole 4-6 settimane. L’azienda newyorkese Loliware produce cannucce a base di alghe e di alghe che, dopo essersi bagnate, sembrano di plastica per 24 ore. Una volta usate, possono essere mangiate, oppure si degradano nell’ambiente entro 2 mesi. Marriott Hotels e l’azienda di bevande alcoliche Pernod Ricard hanno già iniziato a usare le cannucce.

packaging edibile
Packaging edibili

Anche se gli imballaggi commestibili stanno guadagnando terreno, le sfide rimangono. Alcuni si preoccupano dell’igiene degli imballaggi alimentari che sono stati toccati o esposti ai germi durante il trasporto o mentre erano esposti sullo scaffale. Gli esperti concordano sul fatto che gli imballaggi commestibili richiederanno uno strato esterno, ma questi materiali potrebbero anche essere realizzati con materiali compostabili o sostenibili, come la carta. Un altro ostacolo è l’accettazione da parte del pubblico: la gente mangerà qualcosa che di solito viene gettato via? I consumatori potrebbero forse essere convinti se l’imballaggio contiene sostanze nutritive, come vitamine o proteine, o semplicemente ha un buon sapore. Infine, è necessario migliorare la stabilità al calore e all’umidità prima che le confezioni commestibili possano essere utilizzate su larga scala.

Leggi anche:






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.