12.7 C
Roma
sabato 27 Novembre 2021
Idea-Azione Il “menefrego” ed il “menefreghismo”

Il “menefrego” ed il “menefreghismo”

Autore del contenuto

[GTranslate]

Affluenza alle urne: 43,6%. E’ ancora democrazia?

Quando un sindaco, un presidente od un deputato, governante in nome del popolo, viene eletto dal 10-20% dei suoi elettori veri (altri lo hanno votato turandosi il naso e per esclusione) come fa a governare realmente, con quale appoggio della sua comunità? Governa quando la politica non conta niente o quando le elezioni sono una finta, una burla. Non a caso il motto fascista “me ne frego” nacque contro le elezioni considerate inutili. A questo si oppose l’ “I care” , “mi importa”, democratico.

I care

Nella Costituente fu molto discussa la questione dell’obbligo del voto; la destra era contro, la sinistra a favore; ma il disaccordo fu soprattutto sulle “penalità” da dare a chi non avesse votato. Fu trovata una mediazione: obbligo del voto, ma pene “leggere”; chi non votava avrebbe dovuto trovare il suo nome scritto in un album da tenere esposto negli uffici comunali, dal titolo “non ha votato”; e poi nel casellario penale, per cui nei concorsi pubblici a parità di punteggio chi non votava avrebbe perso (regola legiferata poi con il DPR 361 , marzo 1957). Questa norma, ampiamente disattesa, fu infine revocata nel 1993 (tra l’altro, anno centrale del golpe italiano).

E’ in corso un dibattito sul fascismo pericolo reale o no; con scontri patetici sull’argomento tra questa o quella figura politica. Penso che le peculiarità che caratterizzarono il fascismo, possano essere ritrovate più che sulle persone,  sul sistema, esaltante il “me ne frego”, “non voto” , “non mi interessa” , “chiunque vada fa lo stesso”.

La scuola politica del dopoguerra ci insegnò che questo era il vero nemico della democrazia: il “menefrego” e il “menefreghismo”. E l’Italia purtroppo ha questo malefico gene inserito nella propria natura, che deve assolutamente essere contrastato. Senza voto o con voto limitato non c’è democrazia, almeno in Italia (in altri Paesi può essere diverso).

E quindi?  Io sono per reintrodurre l’obbligo del voto, come dovere civico per far parte di una comunità nazionale; e per coloro che non vogliono adempiere al proprio dovere, viene prevista una multa, una tassa, di importo non irrilevante (50-100 euro).






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.