Abbiamo spento le candeline dei primi due anni di Moondo e non nascondiamo l’orgoglio per i risultati raggiunti, nel momento in cui nasce il primo “figlio” l’App Moondo (già scaricabile per Android, nei prossimi giorni anche per iOS) già siamo in attesa di nuovi eventi

Due anni fa, nel dare vita a Moondo, ritenemmo necessario descrivere in un manifesto le idee con le quali affrontavamo questa nuova esperienza. Non volevamo fare soltanto un giornale on-line ma anche costruire un laboratorio di idee, di proposte.

Ci assumemmo l’onere di indicare delle linee guida per fissare quei principi etici che a nostro giudizio sono indispensabili per quanti vogliono fare informazione. Il crollo finanziario mondiale che, con un costo di oltre 20 triliardi di dollari, ha fatto perdere casa e lavoro a milioni di persone ha cambiato in modo radicale la distribuzione della ricchezza – sia essa economica che dei diritti e delle opportunità.  E’ la sfida più importante dei nostri tempi.

Il welfare del ‘900 non è la risposta giusta; è necessario individuare e adottare nuovi strumenti in grado di fronteggiare i danni della crisi ed elaborare nuove teorie per risolvere questo straordinario problema. Da una parte più povertà e più migrazione, dall’altra più velocità ed innovazione tecnologica. Mentre si alza il livello dello scontro tra USA, Russia e Cina.

La velocità con cui nascono e si sviluppano sotto i nostri occhi le nuove tecnologie, richiede conoscenze e competenze nuove e quindi una classe dirigente di governo che abbia capacità di visione perché il digitale non è soltanto uno strumento, ma soprattutto un processo epocale che ha già cambiato la cultura e soprattutto il nostro stile di vita. Dobbiamo darci l’obiettivo di assicurare nella nostra società il livello di benessere diffuso che ci siamo conquistati e contemporaneamente mettere in campo azioni e soluzioni capaci di governare il fenomeno povertà/migrazione. E’ un problema nostro perché il danno l’abbiamo prodotto noi, perché è nella nostra società che sono esplosi i rapporti tossici che hanno inquinato la politica, l’ambiente legislativo ed il mondo universitario.

E’ tempo di assumersi nuove responsabilità e di rimettere la condizione umana al centro della nostra riflessione. Chi ha fatto militanza politica nel secolo scorso si poneva il problema di costruire un mondo migliore oggi, all’indomani della morte delle ideologie e degli ideali e di fronte allo scandalo della ricchezza di pochi, l’impegno è per una azione reale: è tempo cioè di organizzazione, di governo dei fenomeni, di rinnovamento delle democrazie.

Il nostro impegno si rinnova
Il nostro impegno si rinnova: è tempo cioè di organizzazione, di governo dei fenomeni, di rinnovamento delle democrazie.

Ci possono aiutare in questa riflessione libri come quello di Baricco o film come Matrix: la sfida del nuovo millennio è anche la sfida di un nuovo linguaggio.

Il secolo scorso si è aperto con l’annuncio “Dio è morto” nell’attesa che l’uomo e la tecnologia colmassero il vuoto che si era aperto, ma la religione non è morta e all’inizio del nuovo millennio gode ottima salute. Le religioni sono anche lo specchio dello stato economico, culturale e sociale di molte parti del mondo e la fede è diventata insieme la radice di nuovi disastri (il terrorismo islamico) e la risposta ai disastri provocati dall’uomo (il clima). “Cosa possiamo fare per salvare il pianeta” chiedono i giovani nelle piazze e mentre la scienza cerca una risposta, noi cerchiamo di mantenere lo status quo perché abbiamo perso la fede. E la speranza

Pur consapevoli che dalla fine della seconda guerra mondiale alla fine del secolo scorso, il mondo ha compiuto uno sviluppo paragonabile a quello che l’uomo aveva determinato in molti secoli di storia, siamo in preda all’ansia, siamo incerti, disorientati, scossi dal dubbio, colpiti dall’incertezza, difronte alla velocità del cambiamento. E sappiamo che quanto è accaduto dall’inizio del nuovo millennio ad oggi ha cambiato in modo radicale la nostra vita quotidiana, addirittura i nostri gesti basta pensare a come ci mettiamo in posa davanti al nostro cellulare. La rivoluzione digitale ha sconvolto la nostra vita quotidiana.

Molti fenomeni che accadono intorno a noi sono un enigma, a volte li osserviamo, altri li viviamo, spesso li ignoriamo, anche perché non sappiamo come, quando e perchè accadono. Tuttavia le nostre azioni, le nostre scelte e le stesse nostre relazioni sono condizionate da questi fenomeni, ma spesso non ne siamo nemmeno consapevoli. Come amanti viviamo la gioia del momento, abbiamo il desiderio del nuovo e contemporaneamente la nostalgia del passato. Forse sarebbe il caso di uscire da questo stato infantile, cercare di capire da dove e come nasce la natura diversa dei nostri sentimenti.

“Meglio comandare che fottere”, dal celeberrimo proverbio siciliano “cumannari è megghiu ca futtiri” dove “futtiri” è derivazione latina da “futuo” che il Dizionario della lingua latina rende con un pudico “avere rapporti carnali con una donna”. In definitiva il desiderio del potere e il bisogno di felicità.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Avatar
Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: