Il suffragio universale

Ho letto sul Foglio di ieri una interessante analisi di Adraino Sofri sul valore attuale del suffragio universale, cioè delle elezioni.

Una analisi ed una riflessione quella di Sofri che ha il pregio di essere molto puntuale, io sono convinto come detto altre volte, che la crisi che la nostra democrazia sta vivendo è quella di una instabilità frutto di un elettorato che cambia (non dirò il voto) ma innanzitutto gli umori (che poi si esprimono nel voto) che non rappresentano tanto una scelta quanto un sentimento e le democrazie non possono vivere sulla base dei sentimenti.

La riflessione di Sofri invita ad una analisi più approfondita di questo fenomeno, proprio perchè si parla delle elezioni, atto fondamentale di uno Stato democratico. Il valore diverso che viene attribuito al suffragio universale è dovuto al risultato che esso dà e dalle ragioni del perchè dà quel risultato.

Cosa voglio dire: se la campagna elettorale si svolge secondo uno schema per cui i candidati ed i partiti che si contrappongono nell’agone politico parlano d’altro e non dei problemi dell’Europa, di ciò che i parlamentari faranno per difendere gli interessi del paese che rappresentano ma passano il tempo ad insultarsi, l’elettore nel segreto dell’urna cosa esprime? Non certo l’adesione ad un programma, che non c’è, sicuramente non l’adesione ad un progetto, ad un’idea, non direi ad una ideologia (ormai morta e defunta), ma in realtà esprime un voto che ha il significato della rappresentanza di se stesso. L’elettore vota il suo mondo, è come se non partecipasse ad un evento collettivo, ma fosse li ad un confessionale, l’urna diventa un confessionale in cui l’elettore esprime ciò che vorrebbe, ciò che desidera, sulla base non di ciò che gli è stato trasmesso ma di ciò di cui è convinto lui stesso.

Le elezioni non sono più una esercitazione democratica per esprimere e creare una classe dirigente in un paese per dare sostanza e forza alla democrazia di un paese, ma sono l’espressione dei sentimenti. Se questo è vero ha ragione Sofri, basta un sondaggio demoscopico, non c’è bisogno di scomodare milioni di persone per andare alle urne.


Piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle ed esprimi la tua idea

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Avatar
Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: