27.9 C
Roma
sabato 21 Maggio 2022
Classici contemporaneiIl tacchino di Natale

Il tacchino di Natale

Autore del contenuto

Ho riletto, casualmente, pochi giorni fa, questo racconto di Moravia e l’ho trovato, visto i tempi, straordinariamente attuale e capace di far riflettere. Appartiene alla  raccolta dei “RACCONTI SURREALISTICI E SATIRICI”, scritta negli anni tra il 1935 e il 1945, anni di guerra e di totalitarismi, che si presenta come una sottile satira sociale con sfumature che cedono all’orrido quando non al burlesco tagliente. È la storia di un giovane uomo, il tacchino di Natale, che, presentandosi sotto belle forme, seduce una ragazza per soldi conquistando con i suoi bei modi la fiducia della suocera. 

Questo l’incipit:

“Quando, il giorno di Natale, il commerciante Policarpi-Curcio si sente dire per telefono dalla moglie che rincasasse puntualmente perché c’era il tacchino, si rallegrò molto giacché con gli anni, all’infuori di quello della gola, non gli era rimasta altra passione.”

La meraviglia fu che a casa il nostro Policarpi-Curcio il tacchino non lo trovò sulla tavola imbandita , pronto per il palato,  ma in salotto ,pronto per l’inganno premeditato, che conversava amabilmente con la figlia . 

Il suo abbigliamento era impeccabile e di grande  eleganza : una giacca nera dai risvolti di seta ,un paio di pantaloni a quadretti sale e pepe e un gilè di panno grigio con bottoni di osso. 

A sentir dire la moglie ” il tacchino era nobile, ricco e influente…… aveva aria da gran Signore …… preziosità d’accento, un gran bel “partito”. Quando parlava tirava indietro il capo e gonfiava il petto sotto il gilè e affascinava  con racconti mai uditi di feste, di svaghi, di viaggi , di successi …..era un esperto conoscitore del mondo “. Mamma e figlie ne erano incantate .Solo al Curcio il tacchino non convinceva e pensava che il suo posto era solo nella pentola.Non aveva torto .Il tacchino , difatti, seduce la figlia , fugge con lei all’estero e chiede un riscatto per restituirla  alla famiglia . A sposarla non se ne parlava neppure . Il tacchino aveva già moglie e figlia ed era ridotto al lastrico. 

Il racconto , si comprende bene , è tragicomico così come è facile riconoscere nel tacchino l’immagine tronfia dell’uomo che vuole apparire prestigioso, influente e di notevoli conoscenze ma interiormente indecente  , così sgradevole da disgustare per la sua insidiosa perversità. Parla e vuole attrarre con   il suo bel dire ma può incantare solo gli sciocchi creduloni che si fermano in superficie e che si lasciano ingannare dalle false apparenze . Il tacchino diventa ,invece, per chi sa andare oltre la “fotografia ” la metafora dell’uomo ridicolo, del “paraculo” ,come si dice in gergo studentesco, dell’accattone di “consensi” per farne un uso personale da usa e getta.

Quanti tacchini ai giorni nostri nel privato come in pubblico !!!!! Impettiti e altisonanti vanno solo alla ricerca di ammirazione per la  soddisfazione del proprio ego ipertrofico e per i propri bisogni sfoggiando penne variopinte , destinate , però, a disperdersi  al primo vento. 

Quanti oggi sono in grado di riconoscerli? Quanti riescono a non farsi abbagliare dalle false apparenze e dal bel parlare di qualche altolocato tacchino o gallinaccio? Quanti tacchini finiscono in pentola ? Ne vedo molti in giro e anche a posti di comando . Il problema è frutto di un analfabetismo funzionale o cognitivo?

Intanto il tacchino di Moravia mi mette in guardia e mi porta a riflettere che delle apparenze non si ci può fidare. Cosa banale, qualcuno potrebbe obiettare ……ma non molto banale se consideriamo i numerosi e variopinti tacchini con cui quotidianamente ci confrontiamo  e che passano per gran ” Signori “.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.