20.4 C
Roma
mercoledì 29 Settembre 2021

Antonella Botti

Sono nata a Salerno il 3 Marzo del 1959 ma vivo da sempre a Sessa Cilento, un piccolo paese di circa 1300 anime del Parco Nazionale del Cilento. Ho studiato al Liceo classico “Parmenide” di Vallo della Lucania ed ho conseguito la laurea in Lettere moderne. Sono entrata nella scuola come vincitrice di concorso nel 1987, attualmente insegno Letteratura Italiana e Latino al Liceo Scientifico di Vallo della Lucania. Ho pubblicato due testi di storia locale: "La lapidazione di Santi Stefano" e "Viaggio del tempo nel sogno della memoria". Da qualche mese gestisco un blog, una sorta di necessità interiore che mi porta a reagire al pessimismo della ragione con l’ottimismo della volontà. I tempi sono difficili: non sono possibili "fughe immobili".

Antonella Botti

Sono nata a Salerno il 3 Marzo del 1959 ma vivo da sempre a Sessa Cilento, un piccolo paese di circa 1300 anime del Parco Nazionale del Cilento. Ho studiato al Liceo classico “Parmenide” di Vallo della Lucania ed ho conseguito la laurea in Lettere moderne. Sono entrata nella scuola come vincitrice di concorso nel 1987, attualmente insegno Letteratura Italiana e Latino al Liceo Scientifico di Vallo della Lucania. Ho pubblicato due testi di storia locale: "La lapidazione di Santi Stefano" e "Viaggio del tempo nel sogno della memoria". Da qualche mese gestisco un blog, una sorta di necessità interiore che mi porta a reagire al pessimismo della ragione con l’ottimismo della volontà. I tempi sono difficili: non sono possibili "fughe immobili".
Advertisment

La lingua del cuore e di cuore

15 Agosto 2021, Ferragosto, festa dell'Assunta, mi trovo in terra sicula, a Siracusa, e decido di partecipare alla celebrazione eucaristica nel santuario della Madonna delle lacrime. Sono le ore 12, la funzione...

Moby Dick e l’eterna sfida della vita

La storia di Moby Dick, raccontata da Melville in quella che è la sua opera più famosa, non ha mai smesso di affascinarmi per la densità dei suoi simbolismi e per la...

Il viaggio finisce qui (da “Casa sul mare” di E. Montale)

Un altro anno scolastico è finito, l'ultimo per chi ha sostenuto gli esami di fine percorso. Siamo come al solito ai saluti di rito che si giura non saranno addii definitivi, "perché,...

Quando ad emigrare eravamo noi

I versi che seguono sono di Crescenzo De Vita, un Cilentano, emigrato in America Latina per garantire un futuro al proprio figlio che diventerà, grazie ai suoi sacrifici, un valido e stimato...

La giustizia negata

Mi è capitato recentemente di rileggere la  "Storia della colonna infame" di Alessandro Manzoni e mi è parsa estremamente attuale considerando le accese discussioni dei nostri giorni sulla necessità di una riforma della...

Zuwara: il naufragio dell’umanità

È stato un sollievo sentire il presidente Draghi affermare con tono convinto: "Occorre un atteggiamento umano e solidale". Era da tempo che mi aspettavo, dopo la propaganda dei porti chiusi, delle sanzioni ai...

Un piccolo omaggio ad un grande Maestro

Non sono un'esperta di musica ma non per questo rinuncerò a ricordare un Grande di tutti i tempi, Franco Battiato, sia solo attraverso le emozioni che i suoi testi mi regalano, in...

Don Ferrante, Saturno, Giove e la peste

Don Ferrante è uno dei  personaggi  minori de "I Promessi Sposi" di Manzoni ma uno  di quei personaggi che restano, comunque, impressi per la loro particolarità; di don Ferrante ci colpisce l'ingenua sterilità di una...