12.1 C
Roma
mercoledì 26 Gennaio 2022

Antonella Botti

Sono nata a Salerno il 3 Marzo del 1959 ma vivo da sempre a Sessa Cilento, un piccolo paese di circa 1300 anime del Parco Nazionale del Cilento. Ho studiato al Liceo classico “Parmenide” di Vallo della Lucania ed ho conseguito la laurea in Lettere moderne. Sono entrata nella scuola come vincitrice di concorso nel 1987, attualmente insegno Letteratura Italiana e Latino al Liceo Scientifico di Vallo della Lucania. Ho pubblicato due testi di storia locale: "La lapidazione di Santi Stefano" e "Viaggio del tempo nel sogno della memoria". Da qualche mese gestisco un blog, una sorta di necessità interiore che mi porta a reagire al pessimismo della ragione con l’ottimismo della volontà. I tempi sono difficili: non sono possibili "fughe immobili".

Antonella Botti

Sono nata a Salerno il 3 Marzo del 1959 ma vivo da sempre a Sessa Cilento, un piccolo paese di circa 1300 anime del Parco Nazionale del Cilento. Ho studiato al Liceo classico “Parmenide” di Vallo della Lucania ed ho conseguito la laurea in Lettere moderne. Sono entrata nella scuola come vincitrice di concorso nel 1987, attualmente insegno Letteratura Italiana e Latino al Liceo Scientifico di Vallo della Lucania. Ho pubblicato due testi di storia locale: "La lapidazione di Santi Stefano" e "Viaggio del tempo nel sogno della memoria". Da qualche mese gestisco un blog, una sorta di necessità interiore che mi porta a reagire al pessimismo della ragione con l’ottimismo della volontà. I tempi sono difficili: non sono possibili "fughe immobili".
Advertisment

Dedicato a Davide Sassoli

Non ricopro nessun incarico politico eo istituzionale, non sono una giornalista ma anche da semplice cittadina italiana ed europea mi sento di esprimere la mia profonda commozione per la morte di Davide...

Il tacchino di Natale

Ho riletto, casualmente, pochi giorni fa, questo racconto di Moravia e l'ho trovato, visto i tempi, straordinariamente attuale e capace di far riflettere. Appartiene alla  raccolta dei "RACCONTI SURREALISTICI E SATIRICI", scritta...

Per quanto sta in te

E se non puoi la vita che desidericerca almeno questoper quanto sta in te: non sciuparlanel troppo commercio con la gentecon troppe parole in un viavai frenetico. Non sciuparla portandola in giroin balía...

L’uomo che puntò sul 37

I numeri della roulette vanno da 0 a 36. Per questo il croupier rimane esterrefatto quando qualcuno alle sue spalle gli porge una pila di fiches chiedendo: "Me le punta sul 37,...

La “Parola” necessita di disciplina (a proposito dei recenti fatti di Roma ma non solo)

"Cerbero, fiera crudele e diversa,Con tre gole caninamente latraSovra la gente che quivi è sommersa.Li occhi ha vermigli, la barba unta e atra,e 'l ventre largo, e unghiate le mani;graffia li  spirti,...

Continua a pensare

"Il nostro tempo è nemico dell' insoddisfazione interiore e naturalmente della costanza, è organizzato perchè tutto stanchi immediatamente e l'attenzione si mostri irrequieta ed erratica... non si sopporta l'indagine sostenuta, nè la perseveranza,...

La lingua del cuore e di cuore

15 Agosto 2021, Ferragosto, festa dell'Assunta, mi trovo in terra sicula, a Siracusa, e decido di partecipare alla celebrazione eucaristica nel santuario della Madonna delle lacrime. Sono le ore 12, la funzione...

Moby Dick e l’eterna sfida della vita

La storia di Moby Dick, raccontata da Melville in quella che è la sua opera più famosa, non ha mai smesso di affascinarmi per la densità dei suoi simbolismi e per la...