19.4 C
Roma
giovedì 6 Maggio 2021

Antonella Botti

Sono nata a Salerno il 3 Marzo del 1959 ma vivo da sempre a Sessa Cilento, un piccolo paese di circa 1300 anime del Parco Nazionale del Cilento. Ho studiato al Liceo classico “Parmenide” di Vallo della Lucania ed ho conseguito la laurea in Lettere moderne. Sono entrata nella scuola come vincitrice di concorso nel 1987, attualmente insegno Letteratura Italiana e Latino al Liceo Scientifico di Vallo della Lucania. Ho pubblicato due testi di storia locale: "La lapidazione di Santi Stefano" e "Viaggio del tempo nel sogno della memoria". Da qualche mese gestisco un blog, una sorta di necessità interiore che mi porta a reagire al pessimismo della ragione con l’ottimismo della volontà. I tempi sono difficili: non sono possibili "fughe immobili".

Antonella Botti

Sono nata a Salerno il 3 Marzo del 1959 ma vivo da sempre a Sessa Cilento, un piccolo paese di circa 1300 anime del Parco Nazionale del Cilento. Ho studiato al Liceo classico “Parmenide” di Vallo della Lucania ed ho conseguito la laurea in Lettere moderne. Sono entrata nella scuola come vincitrice di concorso nel 1987, attualmente insegno Letteratura Italiana e Latino al Liceo Scientifico di Vallo della Lucania. Ho pubblicato due testi di storia locale: "La lapidazione di Santi Stefano" e "Viaggio del tempo nel sogno della memoria". Da qualche mese gestisco un blog, una sorta di necessità interiore che mi porta a reagire al pessimismo della ragione con l’ottimismo della volontà. I tempi sono difficili: non sono possibili "fughe immobili".
Advertisment

L’anno che verrà

Siamo al termine del primo ventennio del 2000, ma soprattutto al termine di un anno angosciante per il suo carico di dolore e di morte. Un anno da elaborare e superare, che...

A proposito di libertà di insegnamento e “di lesa maestà” (dedicato alla prof.ssa Rosa Maria Dell’Aria)

Chi è un docente? La risposta più ovvia sembrerebbe questa: è una persona che lavora con l'intelletto e fa assegnamento sul cervello più che sui muscoli e la pancia.Proprio per questo il...

La voce di Cassandra – “Monologo per Cassandra” di Wislawa Szymborska

Sono io, Cassandra.E questa è la mia città sotto le ceneri.E questi i miei nastri e la verga di profeta.E questa è la mia testa piena di dubbi.È vero, sto trionfando.I miei...

E se il BUON INCANTATOR (da “Guido io vorrei…” di Dante)

Secondo lockdown. È dura, più dura che mai, ci si sente assediati, è come stare in guerra ma disarmati. Un nemico persistente è alle porte, dietro l'angolo, invisibile minaccia il nostro quotidiano....

Etica e libertà

Per questa settimana lascerò a riposo i miei "classici contemporanei" perché stimolata da un interessante dibattito su MOONDO relativamente alla opportunità o meno di oscurare un discorso di Trump, tenuto dopo i...

Quando la “Verità sovrana” diventa pericolosa

"OMNIS MUNDI CREATURAQUASI LIBER ET PICTURANOBIS EST IN SPECULUM" Questi versi sono una citazione di Umberto Eco ne "Il nome della rosa" tratti da un testo medievale di Alano di Lilla che si...

La Ginestra (G. Leopardi ) e l’arte di essere fragili (A. D’Avenia)

La Ginestra è un'opera ultima, una sorta di messaggio testamentario di Leopardi sui tristi destini umani. È l'espressione più alta di un uomo presente alla propria fragilità in quanto essere umano uguale...

Identità nazionale: un incrocio di culture

Il sovranismo nazionalista e la politica anti-immigrazione ce la mette tutta per trovare una sua ragionevole giustificazione nella STORIA dei popoli. Antonio Socci, ad esempio, nel suo lavoro "TRADITI, SOTTOMESSI, INVASI" insiste...