La bellezza di Vanessa Incontrada contro i bulli del web!

E basta, non temo il ritorno di antiche paure, mi fa paura invece questo odio strisciante e questa intolleranza. Cosa siamo diventati perché non riusciamo ad accettare le diversità degli altri? Perchè forse non riusciamo ad accettare le nostre diversità. Siamo tutti diversi e tutti originali e cosa c’è di più bello che essere unici.

Siamo arrivati ad offendere via social una donna straordinaria come Vanessa Incontrada, bella come solo una vera femmina sa essere, brava attrice, brillante conduttrice con un sorriso irresistibile. Sono profondamente incantata dalla sua femminilità, la italo-catalana Vanessa non ha bisogno di essere perfetta secondo gli stupidi canoni di chi misura le persone per i cm e le forme. Che piacere vederla ai #SEATMusicAwards2019, all’Arena di Verona, con Carlo Conti. Le sue forme mediterranee, le sue battute in spagnolo, una voce suadente e la sua bellezza vera senza ritocchi. Chi le ha scritto “ Mettiti a dieta” dovrebbe vergognarsi, io da donna  sono ammirata da un’artista come la Incontrada.

Vanessa Incontrada
Vanessa Incontrada

Siamo donne, donne che la vita, le gravidanze possono cambiare, ma avere qualche chilo di più per dare al mondo un figlio non ha prezzo, e perché giustificarsi? La moda ci impone di essere magre e sempre perfette, sapete che vi dico la moda me la faccio io, regole e imposizioni sono per chi vive sottoponendosi sempre al giudizio altrui, quando il giudizio più importante è quello che ci diamo da sole.

Sta tutto nel piacersi, nella consapevolezza del proprio essere e non sarà certo la taglia a farci vivere bene e non  saranno certo le misure a condizionarci quando ci guardiamo allo specchio. L’altra sera all’Arena di Verona da grande professionista qual è ha affascinato tutti e finalmente una rivincita per la bellissima Incontrada, alle critiche banali e ignoranti hanno risposto i moltissimi fan ed estimatori dell’attrice che la hanno definita “patrimonio dell’Umanità” e molto altro.

Crediamo ancora negli stereotipi e grazie al web diamo fiato a chi forse farebbe bene a tacere. E concluderei con una celebre frase di Marilyn Monroe, icona “morbida” della femminilità e della bellezza: ”A tutte voi ragazze che pensate di essere grasse perché non portate la taglia zero. Siete belle, è la società che è brutta”.


Piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle ed esprimi la tua idea

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Tiziana Buccico
Tiziana Buccico, napoletana verace, classe 1969, da sempre appassionata di politica, cultura e Medio Oriente. Un passato di uffici stampa tra cui l’Istituto italiano per gli Studi filosofici. Poi giornalista di pagine di cultura e società, come “moscone” per i quotidiani “La Città” e "il Corriere del Mezzogiorno”. Ha lavorato per uffici stampa politici e istituzionali (Regione Lazio e Consiglio Regionale del Lazio), organizzando eventi e campagne elettorali. Pezzi di vita vissuti tra Gottingen, Vienna e Parigi, viaggi avventurosi e curiosi. Per otto anni, sino al 2017, è stata in Iran per seguire marito e famiglia ma occupandosi a tempo pieno della Scuola Italiana “Pietro della Valle” di Teheran, come Vice Presidente . Da allora la passione per i viaggi e le culture diverse è cresciuta e si è anche trasformata in una rubrica Treccani dal titolo “Via della Seta”. Rientrata in Italia si occupa di social, politica, giornalismo ed eventi culturali mantenendo così un filo diretto con quella parte del mondo che le ha cambiato la vita. Social media manager dell’Istituto Garuzzo per le Arti Visive.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: