02E se la mitica carbonara, piatto romano per eccellenza, fosse in realtà stata “inventata” dagli americani?

1943, fronte di Anzio: le truppe alleate sbarcate per combattere contro i tedeschi solidamente attestati a sud di Roma, sono bloccate da una resistenza superiore a quella prevista. I combattimenti sono rari mentre i cannoni fanno sentire la loro voce potente ma lontana. I soldati statunitensi hanno una razione di combattimento con bacon e bustine di uova in polvere: vedono gli italiani mangiare, quando possono, spaghetti al sugo di pomodoro ma quel liquido rosso e denso è per loro un mistero. Perché non provare a sostituirlo con quello di cui dispongono, il bacon e l’uovo in polvere? Nascono gli spaghetti alla carbonara, così definiti nel ricordo degli spaghetti di cui coloro che bruciavano legna per produrre carbone usavano cibarsi: pasta lessata in un pentolino vicino alla legna condita con un uovo avuto da un contadino della campagna vicina.

carbonara
Spaghetti alla carbonara, tradizione romanesca in tavola. Photo credit: Cookaround

Carbonara, rivisitazione romana di un’idea americana

Arrivati il 4 giugno 1943 gli alleati a Roma, per gli osti romani fu sufficiente utilizzare il guanciale, usato al posto del bacon, l’uovo questa volta fresco e il pecorino, il formaggio della tradizione romanesca quando tra le antiche rovine sotto il Campidoglio pascolavano le pecore. Nacquero gli spaghetti alla carbonara ed insieme a loro le varie tesi  sul momento più opportuno per aggiungere l’uovo evitando che divenga una frittata e due partiti, una a favore dell’uso del guanciale e l’altro della pancetta.

Hanno ragione tutti: ha torto invece chi ritiene che gli spaghetti alla carbonara precotti, surgelati, di solito somministrati agli ignari turisti nei ristoranti a buon mercato, abbiano qualcosa a che vedere con la ricetta nata dallo sbarco alleato ad Anzio.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)



Potrebbe interessarti anche
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.