13.4 C
Roma
domenica 5 Dicembre 2021
Sfogliando il New York Times La Cina prova una nuova arma e scuote il Pentagono

La Cina prova una nuova arma e scuote il Pentagono

Autore del contenuto

[GTranslate]

La Cina, provando una nuova arma, scuote il Pentagono. Il missile è visto come un “momento sputnik”. La prova di un missile supersonico disegnato per evadere le difese nucleari americane è stato molto vicino a un “momento sputnik” , ha detto il generale capo dell’esercito alludendo a quanto gli Americani sono stati presi a sorpresa. Il test potrebbe far rivivere una gara alle armi come quella della guerra fredda e dimostra che Pechino sta modernizzando le sue forze armate e cercando di espandere il suo arsenale nucleare.

SFOGLIANDO IL NEW YORK TIMES DEL 28/10/2021 (TITOLO+COMMENTO)

PRIMA PAGINA

– Frequentazione diseguale nell’Afghanistan governato dai Talebani. Fotografia di un’aula scolastica di ragazze con questa didascalia: Ragazze che studiano per entrare all’Università a Mazar-i-Sharif, ma in altre aree le femmine non vanno a scuola. 

– Scuola affronta il ruolo del fondatore nelle stragi dei nativi. Massacri nella California della corsa all’oro suscitano richieste di cambi di nome. Documentati in lettere e deposizioni negli archivi dello stato, i massacri dell’era della corsa all’oro sono adesso al centro di un dibattito all’Università Hastings, in cui si esamina anche il ruolo del suo fondatore, Seranus Hastings, uno degli uomini più ricchi della California di allora e primo presidente della Suprema Corte locale, e si è scoperto che era proprio lui ad organizzare e guidare i massacri dei nativi, in uno dei quali ne furono ammazzati 5.617, tutti identificati, e probabilmente molti altri non identificati.

Non potendosi fare altro, ora si provvederà a cambiare il nome dell’Università. 

– La paura delle gang ostacola il rifornimento di carburanti ad Haiti. Gang bloccano i porti di Haiti, impedendo i rifornimenti di carburante. Ospedali quasi alla chiusura a causa dei generatori spenti, rischiando la vita di centinaia di bambini. Torri telefoniche senza potere lasciando parti del paese isolate. E fame sempre più acuta. Dopo l’assassinio del Presidente, un terremoto e un uragano, una nuova crisi sta devastando il paese: la mancanza di carburanti sta spingendo Haiti al limite del collasso. 

– Rete elettrica antiquata ostacola il passaggio all’energia pulita. Il Presidente Biden spinge per l’ampliamento dell’uso dei generatori di energia pulita quali pannelli solari e turbine a vento, ma i suoi piani sono ostacolati da un problema di difficile e non rapida soluzione: l’energia pulita così prodotta deve poi comunque essere trasportata agli utilizzatori dall’esistente rete elettrica, antiquata e già sovraccarica. E l’ammodernamento richiederà tempo e importanti investimenti.

– Progressista di Harvard candidata a sindaco di Boston. Un’outsider di discendenza asiatica, guida la corsa elettorale. Martedì prossimo, quando Michelle Wu si batterà contro un’altra donna per la carica di sindaco, potrebbe infrangere una barriera nazionale. Delle 100 più grandi città americane, solo 6 hanno sindaci di origine asiatica, ma tutte da sempre solo in California o Texas. La Wu potrebbe essere la prima dell’intera parte nord del paese. E con un’agenda di cambiamenti come a Boston non si era mai vista. 

 PAGINE INTERNE

– Sale anche il prezzo del cibo.  Molte famiglie sono state obbligate a cambiare la lista della spesa. Anche i banchetti dei mercatini ne hanno risentito. 

– Procede l’insediamento di Israele. Costruite nonostante le obiezioni degli Stati Uniti, le case nella West Bank saranno le prime approvate dal nuovo Primo Ministro Naftali Bennet.

– Merck aiuta i paesi poveri. La compagnia ha annunciato un accordo di licenza per un accesso a basso costo alla sua pillola anti-covid in 105 nazioni.

– La lunga lotta dei pazienti di covid. Biden ha detto che il governo dovrebbe aiutare quelli che continuano ad avere sintomi molto dopo l’infezione del coronavirus. Ma scegliere i candidati è un problema. 

– Controllo difettoso sull’arma del film. Un aiuto regista del film “Rust”  ha detto a un detective che non aveva controllato tutti i tamburi di tutte le pistole a disposizione di Alec Baldwin.     






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.