13.2 C
Roma
lunedì 25 Gennaio 2021

Anteprima News La moda: da stile di vita a pericolo ambientale e sociale

La moda: da stile di vita a pericolo ambientale e sociale

Autore del contenuto

La moda non è più simbolo di eleganza e stile. Ora rappresenta rifiuti, inquinamento, distruzione e povertà. In altre parole, la “moda” è diventata una cosa sporca e i media (principalmente televisione e riviste) hanno contribuito al problema.

É sufficiente leggere alcuni dei tanti libri che sono stati pubblicati recentemente sui vari aspetti dell’industria della moda, come “The Dirty Side of the Garment Industry” (di Nikolay Anguelov), “Over-Dressed” (di Elizabeth L. Cline) sugli alti costi dei prezzi scontati, e “Slave to Fashion” (di Safia Minney).
Questi ed altri libri esaminano l’avidità corporativa, l’abuso dei diritti umani e la siccità causata dalla sovra-coltivazione del cotone. Secondo quanto è stato riferito, il volume idrico necessario per realizzare un paio di jeans e una camicia arriva fino a 20.000 litri. È stato anche rilevato che l’industria della moda consuma più energia rispetto al settore dell’aviazione e del trasporto marittimo messi insieme. E questo senza considerare l’alto livello di inquinamento causato dal poliestere utilizzato per i vestiti e rilasciato nell’ambiente e dagli inceneritori usati per smaltire le tonnellate di indumenti smessi e invenduti.

“The True Cost”, un documentario televisivo del 2015 di Andrew Morgan interpretato da Livia Giuggioli, ha illustrato come, sebbene l’industria dell’abbigliamento sia il secondo più grande inquinatore dopo l’agricoltura, la maggior parte dei consumatori non considera i vestiti una fonte di danno ambientale. Giuggioli, una produttrice italiana e ambientalista è la moglie dell’attore Colin Firth. Giuggioli ha co-fondato Eco-Age, appunto per la sensibilizzazione dell’ambientale e del sociale con sedi sia a Londra che a Milano, ed è la fondatrice di Green Carpet Challenge, un’iniziativa di moda sostenibile da applicare sui red carpets dalle star.

moda

Nemmeno l’Italia è risparmiata in questi libri di denuncia: “l’ambita etichetta ‘Made in Italy’,” inizia così il comunicato stampa del libro “Tight Knit “, “richiama alla mente visioni di sarti italiani dalle dita agili che cuciono amorevolmente abiti eleganti e di fascia alta. Eppure, come scopre l’autrice di Elizabeth L. Krause, gli immigrati cinesi cuciono etichette ‘Made in Italy’ su articoli a basso costo per una fiorente industria italiana della moda.

Krause offre il suo sguardo rivelatore dopo una lunga ricerca realizzata a Prato, il centro storico della produzione tessile nel cuore della Toscana. ‘Tight Knit’ racconta una storia sull’eterogeneità del capitalismo contemporaneo che interesserà chiunque sia curioso di sapere come la globalizzazione stia cambiando le condizioni umane più basilari “.

Mentre gli influencer dei social media, la televisione con i suoi programmi sulla moda e sulle sfilate sul red carpet, e le riviste di moda con centinaia di annunci per vestiti usa e getta, promuovono ciò che ora viene generalmente chiamato in molti titoli di libri, “Fast Fashion”, persone più consapevoli predicano moderazione, conservazione e riciclo.

Una di queste persone è Kate Middleton, la duchessa di Cambridge moglie del Principe William, che notoriamente ricicla i suoi abiti. Sul suo esempio, molte star del cinema e della televisione stanno riciclando gli abiti sfoggiati sul red carpet. L’attrice Cate Blanchett, ad esempio, ha dichiarato di sostenere il Green Carpet Challenge indossando abiti riciclati; Helen Mirren pure sta applicando questa regola, che ha ottenuto anche l’appoggio dell’ex first lady, Michelle Obama.
Se i media sono stati complici in questa emergenza ecologica e sociale della moda, i media possono ora cercare di essere la soluzione.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.