Primo maggio chi ha il lavoro… lavora!

So che qualcuno avrà da dire, ma diciamoci la verità, il primo maggio non è più come una volta! E’ come un vecchio divano al quale non si cambia il tessuto e si lascia lì!
Intanto questa festa nata per difendere i diritti dei lavoratori e sono d’accordo, aveva un senso quando il lavoro c’era e non si rispettavano; partita dall’America nel 1867, poi con tutte le vicende storiche annesse, arrivò in Italia solo dopo due anni. In seguito diventa anche un’occasione per fazioni politiche di ogni tipo, fino a giungere al 1990 con l’istituzione del concertone a Roma ideato dai sindacati insieme al comune e rivolto soprattutto ai giovani. Io non mi voglio addentrare nella storia e neanche ‘sindacare’ il significato storico, ma comprendere che anche questa ricorrenza è cambiata. Intanto è più un giorno di festa per chi il lavoro l’ha! Infatti, girando la città, non era per niente deserta o con tutto off, giusto il tribunale di Milano, sì quello era chiuso, si sa che lì lavoro non manca e un giorno di riposo serve!

Moltissimi invece stavano alla propria postazione e pure contenti di farlo! Magazzini, supermercati, bar, ristoranti, le vie del lusso con negozi aperti, gelaterie con code, e chi ad esempio, il lavoro se lo inventa: spremute doc d’arancia bikestreetjuice posteggiati con il loro carretto-bike tra via Manzoni, via Monte Napoleone e Armani. Ci sono stati manifestazioni e scontri in tutto il mondo, a Parigi molto violente, cortei diversi in tutta Italia. Degni di novità e forse anche di serie motivazioni, (non che altri non ne abbiano) i raider milanesi, che hanno organizzato un presidio, sotto la sede del Glovo Italia, in viale Monza, tra fumogeni e striscioni con le loro borse, con cui consegnano il cibo a domicilio. Io stessa mentre giravo la città li vedevo sfrecciare per consegnare il pranzo.

Quello che voglio dire è che la situazione è sempre più precaria, e mancante riguardo al lavoro, e ieri parlando alla commessa, al cassiere o ai ragazzi felici di fare spremute e a chi stava lavorando, li ho trovati contenti, gentili, perché loro hanno il lavoro! Una volta, se non ricordo male, ero piccola, nessuno voleva andare al lavoro il primo maggio, sarebbe stato un crumiro, come quando volevi entrare a scuola durante le occupazioni; nel tempo tutto si è modificato: resta la lotta con i padroni che ora si chiama manager, e quella per i diritti uguali per tutti e il no allo sfruttamento, ma direi che le proporzioni sono cambiate sono più i non lavoratori e di ogni età nessuna esclusa!


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Marina Perzy
Nasco a Milano ma Roma è la mia seconda città adottiva. Il mio grande amore resta la recitazione… ma è il talento per la conduzione che ho più sperimentato e mi ha fatto conoscere, sia tv che radio. Cresciuta con la scuola dei Grandi conduttori, attori, autori, registi. Amo scrivere, ho due libri in attivo e collaborazioni come giornalista con i principali media Tv e network radio. Ho portato format innovativi e intrattenimento ad un pubblico multi-canale, trasversale. Professionalmente inizio nel ’79 con un provino Rai negli studi Fiera 1 di Milano con Pippo Baudo che cercava comici per il suo sabato sera Secondo Voi. Tanti i talenti che spiccarono il volo da quel provino! Beppe Grillo, Tullio Solenghi, Fioretta Mari e altri. Io vengo scelta per condurre, insieme al mitico Corrado, Domenica In. Per molti anni la Rai è la mia ‘casa’ lavorativa. L’esordio è con Enzo Tortora in Portobello ma è con Corrado che farò i programmi della Rai più importanti di quel periodo: Domenica In, Fantastico 3 con Raffaella Carrà, Gigi Sabani e Renato Zero; Gran Canal è lo show serale che mi vede nel ruolo di attrice in una compagnia teatrale insieme a Tullio Solenghi e Anna Mazzamauro in diretta tv. Ho condotto il primo FestivalBar di Canale 5 con Claudio Cecchetto, in altre edizioni parteciperò anche come cantante. Negli anni alterno la conduzione al Teatro e tanti programmi Rai fra i quali la celebre Domenica Sportiva, ma anche Uno Mattina, Italia & Estero, Detto tra noi, fino al più recente Trattative Riservate in onda per più stagioni sulla piattaforma Sky per Leonardo. La mia prerogativa è sperimentare nuovi format, mettermi in gioco, perchè amo sentirmi viva. Credo ed ho coscienza dei miei limiti ma so di aver sempre fatto buona televisione e radio, fiction, spettacoli, intrattenimento. Continuerò con l’ecletticità che mi contraddistingue a cercare sempre forme d’arte e di comunicazione che diano sfogo alla mia creatività, curiosità, che mi accompagnano da sempre insieme alla grande passione per il lavoro che ho da tutta una vita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: