Pacelli – La Rai è scossa da un terremoto: il neo presidente itaolo svizzero con solidi legami tra i leghisti e l’Amministratore Delegato pentastellato sembra abbiano finalmente trovato un accordo per la nomina dei vertici delle reti e dei telegiornali dell’azienda radiotelevisiva pubblica, prima che finisca l’incantesimo giallo-verde.

Sodano – Non mi preoccuperei affatto. Gli abitanti del palazzo di viale mazzini 14 sanno per lunga esperienza che non si tratta di terremoto ma soltanto di scosse di assestamento. Sono trascorsi molti anni da quando una legge di riforma della Rai (1975) mandava in soffitta il latifondo democristiano e apriva la stagione della lottizzazione, cioè la diretta responsabilità delle formazioni politiche espressione delle tre grandi correnti di pensiero del 900 che hanno fondato la democrazia repubblicana nel nostro paese: cattolica, laica e comunista. Nella sua attuazione furono certamente commessi degli errori, ma una idea migliore non è mai stata proposta per assicurare ai cittadini un servizio pubblico radiotelevisivo rispettoso delle diverse “idee politiche” che si esprimono nella società civile. E infatti con il “governo del cambiamento” non cambia nulla. Il presidente della Rai Foa e l’ad Salini dopo la solita lunga trattativa hanno trovato l’accordo per fare una lista di nomi papabili per la direzione delle reti e dei tg. Più in là non si sono spinti. Chi deve fare le nomine sono i due vicepremier: infatti non più tardi di una settimana fa Salvini volle assicurare tutti che lui ci stava pensando “serenamente” ragionando con Luigi Di Maio per “valorizzare le risorse interne e non lottizzare”.

RAI

PacelliNiente di nuovo, è quasi un rituale che si perpetua ad ogni nomina di ogni Consiglio di Amministrazione, malgrado i ripetuti propositi di voler garantire la neutralità e l’oggettività del servizio pubblico radiotelevisivo. C’è solo da chiedersi se questa volta non si sia un pochino esagerato, magari profittando di quelle conversioni al nuovo verbo di persone che già operano in Rai. Se però si guarda al passato ci si rende conto che i cambi di casacca sono stati piuttosto frequenti, anche se il limite massimo sembra essere rappresentato da 3 “saltini”: ci vuole una certa faccia tosta quando si tratta di personaggi noti al pubblico radiotelevisivo, ma gli interessati assicurano che ne vale la pena.

Sodano – Bravo Pacelli, niente di nuovo. Ripetiamo insieme il verbo del Gattopardo “tutto cambi perché nulla cambi”, casomai con un leggero accento campano. Quanto poi alle conversioni e ai cambi di casacca ti prego di limitare il tuo sguardo all’ultimo ventennio. Nell’altro passato, quello della seconda metà del ‘900, questa pratica non c’era e i manager portavano con orgoglio la loro casacca.

Pacelli – Finita l’epoca degli inossidabili fedelissimi, tipo Pippo Baudo che pagò duramente con la cessione di un palazzo a Roma un momento di infedeltà alla Rai, un’offesa alla parsa politica egemone che ne era il supremo reggitore. Finita l’epoca di Michele Santoro, una fede che non crolla tanto da provocare alla fine il crollo del Michele nazionale. Oggi consiglieri cossighiani e cossighiane di ferro scoprono un quasi naturale simpatia per i pentastellati, mentre il cosiddetto riposizionamento coinvolge anche persone dimenticate in uno dei tanti cimiteri degli elefanti aziendali e risorgono dinosauri e dinosaure che sembravano chiaramente sulla strada di divenire dei fossili. E’ un segno di vitalità dell’azienda radiotelevisiva pubblica o l’ulteriore conferma che tutti gli italiani hanno una famiglia, legittima o meno (e talora più di una) da mantenere?

Sodano – Non è peccato “avere famiglia” e sarebbe cosa buona e giusta se vi fossero segni di vitalità del servizio pubblico. Per chi come me vi ha trascorso una parte importante della propria vita, la RAI sarà sempre, anche nei momenti più grigi della sua produzione, l’impresa culturale più importante del nostro Paese, un patrimonio straordinario della comunità nazionale. Lo dimostra il fatto che per quanti, molti e potenti, si sono adoperati nel tentativo di ridurne la capacità produttiva se non addirittura di screditarla e cancellarla dalla scena nominando ai suoi vertici fior di incapaci, l’azienda è e rimane ai primi posti tra le televisioni del mondo. 


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Avatar
Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: