11.3 C
Roma
giovedì 25 Febbraio 2021

martedi Marco Tidu, in dialogo con se stesso e l'universo

Marco Tidu, in dialogo con se stesso e l’universo

Autore del contenuto

Nel nostro consueto appuntamento settimanale quest’oggi siamo in compagnia dell’artista Marco Tidu, nato nel 1964 a Padova città in cui attualmente vive e lavora.

Marco Tidu
Marco Tidu

Un percorso artistico in cui, da auotodidatta, esplora più generi con sperimentazioni ed approfondimenti che al presente mostrano una ricerca incentrata sul figurativo ipperealistico. Una collocazione labile e mutevole poiché da una attenta analisi delle opere realizzate nel corso degli ultimi anni, si notano inclinazioni verso il surrealismo ed il metafisico. Tra i soggetti rappresentati  figure umane non di rado collocate in ambientazioni singolari, nature morte su cui s’irradia una luce diafana, reperti classici allegorici. Un percorso interessato da una sperimentazione costante di tecniche quali carboncino, grafite e pigmenti su carta o cartoncino, in cui l’artista dimostra un talento smisurato ed un’attenzione infinita e minuziosa al dettaglio che si traduce in opere di spessore. La particolarità risiede nel superamento dell’iperrealismo fine a se stesso, poiché si rintraccia nei suoi lavori un tratto personale sensibile ed evocativo del bello, il fuitore pertanto è coinvolto in una lettura emozionale quale naturale prosieguo del sentire stesso dell’artista. I soggetti di Marco Tidu conservano memoria di interrogativi irrisolti, rilfessioni arcaiche ed aspetti esoterici di derivazione filosofica. Una ricerca costante sulla vita interiore dell’Uomo e del suo rapporto con la sfera spirituale.

L’opera che scelgo s’intitola “Cosmogonica” appartente ad un ciclo  prettamente figurativo.

Cosmogonica
Cosmogonica

L’occhio dello spettatore, guidato da un sapiente gioco di luci ed ombre, è accompagnato nel punto nodale dell’intero lavoro: il volto del soggetto femminile che occupa fisicamente e simbolicamente lo spazio celestiale. Si compie la nascita stessa dell’universo, assistiamo al passaggio cardine dal caos al cosmo, in una separazione ed elevazione ad altro, distinto dal precedente, terra e cielo si separano e la figura femminile entra in connessione con le stelle, inciso ripreso nel monile da ella indossato. Pulizia stilistica e rigore rendono “Cosmogonica” fluttuante ma al contempo guida e protagonista, una intuizione significante che coinvolge empaticamente lo spettatore.

La tecnica, trattasi di sanguigne, carboncino, pigmento ed acrilico su cartoncino impermeabilizzato con vernice finale satinata. Dimensione 80 x 95 cm.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.