Mastro d’oro e Moondo: un battesimo presidenziale

È trascorsa una settimana. Martedì 7 maggio ero con Alessandro, Alessio e Roberto al Tuttofood per rappresentare in questa importante fiera dell’agroalimentare italiano la  mia produzione di olio dalle olive e per far conoscere agli espositori il nostro giornale online e l’agenzia di marketing e comunicazione CuDirEc.

Ma era anche l’occasione come Presidente dell’Associazione Mastri Oleari di consegnare il Premio Mastro d’Oro a chi, secondo una autorevole giuria, era meritevole per la sua lunga carriera come produttore di olio italiano di ottenere questo riconoscimento.

Erano circa le quattro del pomeriggio, avevo già consegnato i premi del concorso e gli attestati di merito al prof. Mario Pacelli e all’on.le Donato Pentassuglia per la legge 9/2014 che ha istituito l’albo professionale dei mastri oleari, e stavo per annunciare il nome di Piero Gonnelli per il premio speciale alla carriera che vedo arrivare tra bodyguard e fotografi il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Non potevo farmi sfuggire una così ghiotta occasione: lo saluto e gli affido la splendida opera dello scultore Alessandro Romano e chiamo il vincitore, per fargli consegnare il premio.

L’incontro con il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in occasione di Tuttofood 2019.

Per il neonato premio Mastro d’oro e per lo sponsor Moondo non ci poteva essere battesimo migliore.

Piero Gonnelli, vincitore del Premio Speciale alla carriera Mastro d’Oro 2019

Arrivederci al prossimo anno!

Piero Gonnelli e l’artista Alessandro Romano


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici




Iscriviti gratuitamente al canale TV:

Articolo precedenteViaggi senza ritorno
Articolo successivoAlessandra Amoroso a Catania – Scopri gli eventi di oggi
Avatar
Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: