10.6 C
Roma
domenica 7 Marzo 2021

Diario Scomodo Non si legge più un libro, né un giornale: per vivere ci...

Non si legge più un libro, né un giornale: per vivere ci basta il cellulare

Autore del contenuto

L’informatica che poteva essere la grande rivoluzione culturale nella storia dell’uomo, dall’invenzione della ruota, si è rivelata un danno enorme. Doveva ampliare la conoscenza, abbreviare le distanze e avvicinare popoli lontani. Invece, ha solo appiattito l’immaginazione dei giovani, che ormai ne sono schiavi, e spento il loro entusiasmo. Ha assorbito innumerevoli posti di lavoro e consentito ai frustrati di seminare odio, rancore e malevolenza. Deve tornare a essere uno strumento di dialogo e utilità sociale. O sarà la rovina del mondo.

pegasus
Giovani e cellulare, binomio inscindibile

Noi italiani siamo scrocconi, anche quelli che invocano onestà

Come le anime del Paradiso che sono tutte ugualmente beate nonostante la differente distanza da Dio, noi siamo tutti disonesti, sia se possiamo approfittarne, sia se non ne abbiamo la possibilità. Allora giudichiamo gli altri. Non appena, però, ci avviciniamo al potere ci comportiamo come chi biasimavamo. La ricchezza abbaglia. Ecco perché l’occasione fa l’uomo ladro. Ma, per fortuna, noi lo siamo già di natura. Ci scandalizziamo se un’ex ministra si tiene l’appartamento che le spetta per la funzione istituzionale. Lei si è giustamente offesa. Perché dovrebbe essere più stupida degli altri?

Mister, li alleni soprattutto a essere più dignitosi

Mi ha fatto piacere che l’Italia del Calcio abbia battuto anche l’Armenia. Sono sempre contento se gli azzurri vincono. Mi ha disturbato, però, l’esagerata esultanza dei cronisti e soprattutto quella dei giocatori. Non stavamo vincendo con i campioni del mondo. È vero che, col 9 a 1, abbiamo battuto tanti record  che sopravvivevano da mezzo secolo. Ma erano avversari molto modesti. Persino il Messina o i pulcini dell’Ivrea li avrebbero battuti. Tanti abbracci e salti di gioia, da scolaresca delle elementari, sporcavano una vittoria scontata. Se si esulta dopo tre gol si cade nel ridicolo.

A differenza di noi i barboni hanno la dignità di non chiedere l’elemosina

Sono persone normali che, però, delusi della società, non comunicano più con i loro simili. Perché non uccidono né rubano, non odiano e neppuremendicano privilegi. Noi li giudichiamo sporchi e puzzolenti e li consideriamo un peso per la società. Invece, non solo non ci costano nulla. Anzi, ci sanno esempi utili. Infatti non chiedono un lavoro né un funerale. Non pesano sulla sanità né beneficiano della cassa integrazione. Anormali, invece, siamo noi, che non ci accorgiamo delle emozioni che la vita ci offre e, per inseguire denaro e successo, rinunciamo persino alla dignità.

Polanski accusato di una violenza che risalirebbe a 44 anni fa

Per distinguere chi l’ha subìta davvero da chi la inventa per ricavare pubblicità o risarcimenti, le procure di Hollywood e dintorni suggeriscono alle presunte vittime di presentare le denunce in tempi rapidi, anziché tanti anni dopo. Non saranno accettate lamentele a rate, né quelle avvenute in altra epoca perché difficili da accertare. Non sono valide neppure quelle accadute dopo avere ottenuto contratti milionari. Anche per rispetto delle migliaia di donne violentate davvero ogni giorno per le strade e in casa, senza avere chiesto nulla ai pezzi di merda che spesso rimangono impuniti.

Bocciato dagli insegnanti, promosso da una sentenza del Consiglio di Stato

Non è giusto bocciare un ragazzo in prima media. Lo ha deciso l’alta magistratura amministrativa in seguito al ricorso di un genitore che vuole il figlio promosso, seppure ignorante. Ecco l’Italia del terzo millennio. E la politica non c’entra. Sembra che i giudici lo facciano a posta a alterare l’equilibrio del paese e attirarsi anche le antipatie dei cittadini probi. Non solo emettendo sentenze grottesche, ma cadendo nel ridicolo quando esercitano il potere in settori in cui non hanno diritto di inserirsi. È come se ci fosse un disegno per discreditare la Giustizia, che con la cultura non c’entra nulla

In Italia solo i poveracci finiscono in prigione

Quando si dice la fortuna. Poteva essere un’ecatombe, invece le vittime furono solo 43. I danni ammontano a miliardi, mentre I disagi sono gratis. E ci lamentiamo pure. Era la vigilia di Ferragosto, neppure sul ponte Morandi c’era traffico. Le indagini, vanno a rilento. Ogni tanto si scopre la prova di alcune negligenze. Però, ci vorranno anni per  formulare le accuse. Prima di arrestare chi ha retribuzioni milionarie di solito si aspetta la prescrizione. Speriamo solo che non ci siano altre tragedie. L’Italia è piena di viadotti pericolanti e purtroppo di criminali che ne trascurano la manutenzione






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.