19.9 C
Roma
giovedì 28 Maggio 2020

Anteprima News Pontida Docet

Pontida Docet

Autore del contenuto

Se c’era il bisogno di un’ulteriore prova i fatti di Pontida confermano che eravamo molto vicini al baratro. È superfluo, anzi scontato, condannare gli episodi di razzismo nei confronti di Gad Lerner, l’aggressione contro i giornalisti o la strumentalizzazione di minori per scopi politici. Sarebbe inutile sottolineare l’ovvio.

Piuttosto appare più utile analizzare la realtà e la psiche che generano pregiudizi razziali, nazionalismo aggressivo, disprezzo, appena appena velato, per le istituzioni democratiche e chi le rappresenta (il presidente Mattarella), culto verso la personalità del proprio capo indiscusso: tutte cose che fanno rabbrividire e che riaprono pagine inquietanti della nostra storia passata. È proprio vero ciò che è stato può ritornare insieme a quel senso drammatico della “banalità del male ” di cui parlava Hannat Arendt. È stato devastante ascoltare invocare donne, anche anziane, probabilmente mamme, il ritorno dei “forni”, è stato sconcertante osservare una folla animata da odio e rabbia acclamare un capo che la eccitava e la sosteneva garantendo “rivalsa” senza alcun pudore e ancora di più sconcertante considerare che quel capo aveva chiesto “pieni poteri”.

Pontida Salvini
Salvini a Pontida con una “bimba di Bibbiano”, si scoprirà poi che non era così.

È evidente che si tratta di individui che nella generalizzazione pressappochista del loro pensiero puerile ma pericoloso realizzano una distinzione netta tra la glorificazione  del proprio sè (perfetto, detentore della verità ) e l’altro che, senza alcuna ragionevole spiegazione, appare come inferiore, indegno di rispetto, destinato al “forno”.

Colpisce l’astrattezza e la durezza dell’assurdità delle loro affermazioni, la negazione di quel sentimento di pietas che distingue l’uomo dalle bestie, l’annientamento di ogni struttura logico-razionale.

La semplificazione che ne deriva è tale che si pensa solo in termini di bianco e nero, si odiano i deboli, o che appaiono tali, considerandoli come un “peso” (gli immigrati) o inferiori (ebrei ecc…). Si pensa per stereotipi, il successo è l’unica cosa da considerare a discapito delle capacità e dei valori che lo sottendono, per cui la volubilità e la superficialità è scontata e oltremodo prevedibile.

In sostanza il soggetto-tipo di Pontida sembra essere rude, rozzo, incivile, ignorante, espressione di un degrado morale profondo, quindi, da compatire ed educare perchè pericoloso, vergogna di una società civile. 

Ciò che conforta è considerare che, per quanto numerosa la folla di Pontida possa essere, resta pur sempre una minoranza suddita di un capo che la blandisce ma che non rappresenta il popolo italiano e che men che meno potrà determinarne il normale e fatale processo storico di sviluppo. Rappresenta lo spettacolo indecente di ciò che non bisogna essere per non degradare a livello di belve, è funzionale ad un messaggio da condannare e rifiutare. Pur tuttavia è indispensabile vigilare, contrastare, educare, porre attenzione alle insoddisfazioni sociali ed economiche di cui tali episodi di irrazionalità e di subcultura sono i sintomi più evidenti e nefasti ma soprattutto considerare la “qualità” del capo che la rappresenta perchè come dicevano i latini “piscis a capite foetet”






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.