23.8 C
Roma
sabato 19 Giugno 2021

Lettera da Primavera a New York

Primavera a New York

Autore del contenuto

Finalmente a New York è arrivata la primavera: Central Park incanta con i suoi colori pastello, teneri e delicati, e nei prati sbocciano forsizie e ciliegi, accogliendo una folla che può godere del tepore di aprile e della vicinanza (a sei piedi di distanza, per carità!) di altri umani anche se rigorosamente “mascherati”.
Questa tanto attesa sensazione di libertà è palpabile e contagiosa.
Si schiudono i fiori e si riapre la città: le restrizioni pandemiche piano piano si ammorbidiscono e il nuovo “normale” comincia a prendere forma.

I cinema sopravvissuti alla crisi economica propongono film in gran parte già godibili da casa, ma per il pubblico che ama l’emozione del grande schermo e delle spropositate scatole di popcorn, le proposte sono comunque attraenti. Lo Yankee Stadium celebra la prima partita di baseball aperta ai fan per la prima volta da più di un anno, e le metropolitane si riempiono di tifosi con le tipiche magliette a strisce azzurre. I ristoranti accolgono clienti non più solo nelle aree esterne, costruite mangiandosi via pezzi di marciapiede o posti macchina, ma ora anche, timidamente, nelle sale interne. Le scuole primarie riaccolgono bimbi e maestri dopo un periodo di digitalizzazione forzata le cui conseguenze sociali capiremo solo tra qualche anno. Le finestre buie dei palazzi dell’Upper West e East Side, svuotatisi dei newyorkesi benestanti che si erano trasferiti nelle seconde case nel Connecticut o upstate, alla sera ora si illuminano.

Anche i negozi hanno ripreso il loro via vai di clienti stanchi di Amazon o di vetrine virtuali, finalmente in grado di toccare con mano merce e carta di credito. E il bel traffico newyorkese ha ripreso in tutto il suo delirio: forse meno taxi gialli e più
Uber o Lyft, ma la città è decisamente tornata a pulsare.
È un contrasto straordinario con la città apocalittica dello scorso giugno; nel pieno della pandemia e delle proteste dei movimenti per la giustizia sociale, New York si era improvvisamente fermata, mostrandosi distopica e inquietante: strade deserte di macchine e di umani, uffici svuotati, metropolitane chiuse, graffiti sulle infinite tavole di compensato usate per sprangare i negozi della città.
In tanti abbiamo pensato di andarcene, di lasciare questo posto che, non più aperto, cordiale e invitante (mitica meta di noi immigrati), ora si era mostrato minaccioso, sinistro, sbarrato.

Ma abbiamo resistito: come dopo il tragico 11 settembre, New York si sta rialzando perché nel suo DNA non è solo the city that never sleeps ma anche the city that never gives up.
E finalmente a New York è tornata la primavera.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.