15.8 C
Roma
giovedì 21 Ottobre 2021

Le interviste di Moondo Taccuino Londinese, la nuova rubrica di Carlo Arturo Garuzzo

Taccuino Londinese, la nuova rubrica di Carlo Arturo Garuzzo

Autore del contenuto

Dopo la rubrica curata da Umberto Bonetti, con la selezione dei migliori articoli del New York Times riassunti e commentati in italiano, insieme a Carlo Arturo Garuzzo inauguriamo oggi una seconda rubrica internazionale di Moondo “Taccuino Londinese”, un appuntamento settimanale che ci darà uno spaccato della City.

Londra nell’immaginario giovanile è una tappa importante della propria maturità, avere un taccuino londinese è per i lettori di Moondo una straordinaria opportunità per sapere tutto ciò che segue la Brexit, in ambito di business, di studio, di viaggio!

Carlo perchè Londra?

“In verità io sono stato “cacciato a Londra” dai miei genitori, “il tuo saper fare è più pratico che teorico” mi dissero, e mi mandarono a studiare là! Era il 1992”. Esordisce così Carlo Arturo Garuzzo, tanto per mettere in chiaro il tipo di approccio che vuole dare alla sua rubrica: chiara, diretta, pratica e senza tanti giri di parole, si va al sodo!

“La prima cosa de dobbiamo sapere è che Londra rappresenta oggi la quinta o la sesta città italiana al mondo con oltre cinquecentocinquantamila connazionali residenti stabili ed almeno trecentomila “occasionali” (studio/lavoro a tempo). C’è stata negli ultimi 50 anni una contaminazione profonda tra i nostri paesi, oggi permangono differenze profonde tra noi, ma ci sono anche tante tante similitudini che ci uniscono”.

Tra le tue tante attività mi incuriosisce il “Club degli investitori”, di cosa si tratta?

“Tutoring, di questo si tratta. La traduzione pratica consiste in un’opera di consulenza (due tre volte al mese) che noi “vecchietti” offriamo a giovani startupper. Ogni grande idea per trasformarsi in successo ha bisogno di una serie di competenze che non sempre una startup può avere al suo interno. Dove è carente il tutoring è essenziale”.

Mi sembra di capire che molto tu faccia nel campo della “promozione” delle eccellenze italiane, perchè l’Italia in questo è carente?

“Sicuramente la frammentazione dell’aspetto promozionale del sistema Paese è un grosso problema. Per un inglese è incomprensibile, ad esempio, vedere la promozione della Sardegna fatta dall’ente Sardegna, della Puglia fatta dall’Assessorato al Turismo Regionale, e così via. Altre nazioni promuovono il paese, un’unita che non vale per noi”.

Ma allora secondo te c’è un problema di classe dirigente?

“Si, ma la classe dirigente siamo anche noi! La “colpa”, se così vogliamo definirla, è anche di chi ha preferito fare l’imprenditore piuttosto che dedicarsi al proprio Stato. Non dedicandosi alla politica attiva, neanche alla fine del proprio percorso imprenditoriale di successo”.

 Qual è la principale differenza tra le due classi politiche, quella italiana e quella inglese?

“Qui chi sbaglia paga, e si dimette. Ecco la differenza principale. Ma il cambiamento deve venire dal basso, da noi, dai cittadini. Qui i primi ad indignarsi sono i cittadini ed i politici devono adeguarsi e trarne le conseguenze”.

Appuntamento a lunedì prossimo!






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.