La gelateria è la naturale prosecuzione della Pasticceria dell’Agnese che da settant’anni è aperta a Mirafiori Sud, all’angolo strategico tra Via Onorato Vigliani e Corso Unione Sovietica; pasticceria celebre in città per i suoi panettoni, le meringhe e le meringate, i pasticcini mignon, i frollini con quel sapore di burro e vaniglia che non si dimenticano in fretta. Il gelato, della cui ideazione e preparazione si occupa personalmente il figlio del titolare, non ha niente di meno della loro pasticceria: cremoso, autentico nel sapore, stagionale.

Torino: Gelato Dok Dell'Agnese
Torino: Gelato Dok Dell’Agnese (dellagnesegiovanni.it)

La zona è decisamente periferica e quindi fuori dai percorsi pedonali che inviterebbero a un cono o coppetta da passeggio, ma vale la pena fare una gita o fermarsi qui uscendo da Torino in direzione Sud. Il gelato è effettivamente di qualità, a partire dalle materie prime: pistacchio di Bronte Dop e nocciola (trilobata) Piemonte delle Langhe Igp, cioccolato Araguani monorigine Venezuela 72% (per la stracciatella 72) e cioccolato “coeur de guanaja” 80% Valrhona (per il cioccolato “nero 80”).

I coni riescono ad essere inoltre particolarmente golosi perché riempiti, prima del gelato, di cioccolato fuso bianco o fondente e rifiniti con un biscotto (vaniglia o cannella) di loro produzione. Per la nostra pausa abbiamo assaggiato il gianduiotto dal gusto intenso di cioccolato alle nocciole, la pasta di meliga con una base di crema con scorza di limone e la piacevole grana di mais sotto i denti, e la meringata, preparata con le loro meringhe e cioccolato in scaglie, base fior di latte, solo leggermente meno cremoso degli altri due gusti.

Una panna leggera e di giusto grado zuccherino e un cono di cialda friabile e ottimo di sapore hanno completato perfettamente il tutto. E se proprio volete fare uno strappo alla regola o concedervi una vera e propria merenda in gelateria, assaggiate il croissant di pasticceria ripieno di gelato oppure una coppa con frutta fresca e panna. Disponibili anche ghiaccioli di loro produzione con frutta fresca, granite siciliane e, nella stagione fredda, cioccolata calda e zabaione da passeggio, anche con panna.

Gelato Dok Dell’Agnese: ambiente

Un piccolo spazio sui toni del bianco, lavagne con i prezzi e i gusti scritti e nicchie sui colori del giallo e verde acido che danno un senso di freschezza a tutto l’ambiente.

Servizio: Gentile e competente.

Voto 3,5/5

Gelato Dok Dell’Agnese, Corso Unione Sovietica, 413 Mirafiori Sud- Torino. Telefono 011/616157

Recensione tratta da “Il Saporario – Torino” de La Pecora Nera Editore.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Giorgio Dell'Arti
Nasce a Catania il 4 settembre 1945. Giornalista dal ’69 a Paese sera. Passa a Repubblica nel ’79: inviato, caposervizio, redattore capo, fondatore e direttore per quattro anni del Venerdì, editore del mensile Wimbledon. Dirige l’edizione del lunedì de Il Foglio, è editorialista de La Stampa e La Gazzetta della sport e scrive per Vanity fair e Il Sole 24 ore. Dell’Arti è uno storico di riconosciuta autorevolezza, specializzato in biografie; ha pubblicato (fra gli altri) L’uomo di fiducia (1999), Il giorno prima del Sessantotto (2008) e l’opera enciclopedica Catalogo dei viventi - 7247 italiani notevoli (2008, riedizione de Catalogo dei viventi - 5062 italiani notevoli, 2006). Tra gli ultimi libri si ricordano: Cavour - Vita dell’uomo che fece l’Italia (2011); Francesco. Non abbiate paura delle tenerezza (2013); I nuovi venuti (2014); Moravia. Sono vivo, sono morto (2015); Bibbia pagana (2016).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: