10.6 C
Roma
lunedì 8 Marzo 2021

martedi Transitorietà ed eternità con l'artista Fabio Imperiale

Transitorietà ed eternità con l’artista Fabio Imperiale

Autore del contenuto

Fabio Imperiale nasce a Roma nel 1981. La passione innata per il disegno riaffiora in età matura. Attraverso un processo di rielaborazione ed approfondimento sistematico giunge ad una analisi personale del fare pittura. Predilige soggetti femminili, colti per lo più di spalle ed in raccoglimento. Ad osservare il suo lavoro si rinviene una particolare devozione al segno, alla sovrapposizione di più piani ed una scelta cromatica direzionata e continuata verso toni sommessi. Imperiale racconta di fragilità e forza, del manifesto e dell’invisibile, di transitorietà ed eternità. Dualità, conferme e smentite si palesano sotto forma di corpi femminili, espressioni malinconiche, paesaggi urbani rarefatti, cartoline d’epoca su cui interviene con bitume e caffè. Nonostante approdi alla pittura in età matura ad oggi ha realizzato innumerevoli opere che parlano di contaminazione, di scambio fertile tra cinema e musica.

Durante l’esecuzione delle stesse l’artista ascolta brani selezionati, lasciando in sottofondo, il più delle volte, una pellicola cinematografica. Lavora in orizzontale, anche a più opere contemporaneamente, calibrando se stesso e le sue mani nella stesura del colore ad acqua o spostando cartoline d’epoca come tasti su di un pianoforte, sino ad ottenere la “sinfonia” desiderata, ovvero nell’istante in cui si palesa la sensazione che ogni elemento abbia occupato il proprio posto naturale. La figura appare gradualmente, inizialmente abbozzata per poi divenire corposa attraverso la mescolanza di bitume ad acqua, caffè, carboncino. Meticolosamente Imperiale raccoglie sistematicamente la sua produzione artistica riuscendo, attraverso lo scorrimento delle singole immagini raccolte, a dare una percezione immediata della sua evoluzione stilistica.

Transitorietà ed eternità con l’artista Fabio Imperiale

Il lavoro che seleziono, di recente realizzazione, s’intitola “Opera 1305”. Cartoline d’epoca recuperate in mercatini dell’usato assumono un nuovo significato divenendo elementi centrali nella costruzione dell’opera stessa. La figura femminile emerge in maniera naturale dal fondo, stabilendo un dialogo ed un equilibrio cromatico tra le parti. Ancor prima di averne consapevolezza si è proiettati in un “non tempo” intenti a decifrare messaggi ed indirizzi abbozzati e sbiaditi dall’usura del tempo che scorre, nel tempo di un’opera e di una emozione che si rinnova.

Opera 1305 di Fabio Imperiale
Opera 1305 di Fabio Imperiale

Tecnica: caffè e bitume su collage di cartoline d’epoca 138 x 140 cm.

Leggi anche
Tiziana Rinaldi Giacometti, percezioni in contemporanea
Viaggi onirici in pittura






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.