Avevo sempre pensato di essere una persona onesta, responsabile; un cittadino consapevole dei propri diritti, ma soprattutto dei doveri verso la collettività. Ero anche abbastanza soddisfatto del mio modo di essere un buon cristiano, l’amore per i prossimo, una buona dose di generosità, il rispetto delle regole e delle gerarchie. Ho sempre coltivato un gran rispetto per la memoria dei miei cari e un sentimento di riconoscenza per coloro che mi hanno aiutato ad affrontare ostacoli e dolori che la vita ci riserva.  Ovviamente amo i miei figli e i figli dei miei figli, conservo un sentimento di amicizia per gli amici di tanti anni fa (quando non c’era facebook) e amo Fabrizia. Ho avuto fortuna, in una dose che mi ha aiutato a vivere bene. Ho fatto il deputato della Repubblica raccogliendo la stima di tutti coloro che hanno condiviso questa esperienza.  E poi il manager di aziende importanti gestendo centinaia di miliardi senza mai un minimo rilievo. Insomma non sono certamente un cittadino modello né un uomo privo di peccati e difetti, tuttavia sono sempre stato abbastanza soddisfatto di me stesso. Non ho perso la memoria e ricordo sempre (a me stesso) da dove sono venuto, l’umiltà va coltivata per vivere meglio. Poi, da un certo giorno, tutto questo è stato messo in discussione. Tutto è cambiato da quando ho acquistato un frantoio oleario e mi sono messo a fare l’olio dalle olive.

olio molitura olive

Succedono cose abbastanza singolari in questo nostro Paese. Credevo di essermi iscritto all’albo delle imprese artigiane invece ero stato iscritto (d’autorità) nell’elenco di quei cittadini sospetti di gravi reati. Il tono autoritario di chi entra nella tua azienda con indosso una divisa militare (anche io ho servito la Patria con il grado di sottotenente) è già una mezza condanna, l’indagine lunga e meticolosa di una intera squadra di militi, le domande col tono cortese (e un sorrisetto sulla faccia come direbbe il governatore De Luca) di chi non crede una parola di quello che rispondi e alla fine la stesura di un verbale che riassume le attività investigative del sottufficiale e dei due sottoposti da cui traspare già la sentenza. E infatti basta attendere una settimana o due e arriva la convocazione in caserma per notificarti l’ammenda, la multa, la sanzione. Sei un delinquente: volevi contravvenire alle norme sull’etichettatura scrivendo la formula truffaldina “data di scadenza” al posto della dizione “da usarsi preferibilmente entro”. E sei recidivo quando volevi “fottere” lo Stato dichiarando che in una cisterna c’era un quantitativo d’olio che non corrispondeva alla realtà (un errore di calcolo) e infine come era possibile tollerare un comportamento così spregevole come quello di chi dichiara (sempre allo Stato) il numero identificativo di una cisterna diverso da quello che è scritto sulla medesima cisterna (e a nulla è valso far osservare che la cisterna incriminata non conteneva olio, insomma era vuota e allo Stato era stato dichiarato).

Ho pensato: vuoi forse che le forze dell’ordine chiudano un occhio? Vuoi che non si facciano sulla tua azienda i controlli che hai chiesto a gran voce nelle riunioni a via XX Settembre e in Parlamento? Pensi che essendo il direttore dell’associazione frantoiani per te regolamenti e leggi non valgano? Sei anche tu entrato nella folta schiera di quelli che ce l’hanno con i “ladri che ci governano”? La mia risposta è NO.

E allora ho fatto qualche riflessione: un po’ dei miei soldi con cui pago le tasse e da cui lo Stato preleva gli stipendi dei “controllori” potrebbero essere utilizzati per dei corsi di formazione a loro dedicati in cui insegnare il rispetto dei cittadini e le forme attraverso cui questo rispetto si manifesta. E anche riunire in un unico Ente di controllo tutti gli addetti, ora sparsi nelle diverse “armi” della Repubblica, possibilmente levandogli la divisa (e anche la pistola sul fianco), perché nelle aziende ci sono lavoratori e non delinquenti (ovviamente se invece si scoprono dei criminali i controllori chiameranno la forza pubblica).

Per parte mia mi sono iscritto ad una associazione che difende i diritti del cittadino e con l’assistenza del loro ufficio legale porto, e porterò sempre, verbali e sanzioni davanti ad un giudice. So di essere un cittadino onesto che paga le tasse e non mi faccio sanzionare da nessun milite/controllore (in cerca di gloria) per reati che non ho commesso. Anche perché le leggi le conosco e le rispetto.

Oggi il mio avvocato difensore, avv. Carmine Laurenzano, mi ha scritto una mail che mi piace riprodurre:

Buongiorno Giampaolo,
 la tua è una riflessione che parte da presupposti estremamente personali, quanto meno nella ottica di come “vivere” una vita.
 Mi permetterei solo di aggiungere che alla fine della vicenda subita, malgrado le incertezze e le criticità del nostro sistema giudiziario (di cui sei stato anche testimone oltre che vittima, come riporti tu stesso), c’è un giudice che ha detto che sei una persona onesta.
Non lo dico io, non lo dici tu.
Lo dice un giudice di un Tribunale della Repubblica Italia che, quanto meno, sul caso specifico, dichiara che
“ in realtà l’elencazione effettuata dagli agenti in occasione dell’ispezione riporta un numero di contenitori e un residuo d’olio sia complessivo che parziale per ogni contenitore esattamente corrispondente a quello contenuto nel registro SIAN con la conseguenza che il sig. Sodano non ha commesso l’illecito contestatogli. Ed invero nell’elencazione redatta dai agenti non si fa affatto riferimento a due contenitori etichettati come n. 29 e n. 31 per cui il riferimento agli stessi contenuto nell’ordinanza ingiunzione è privo di alcuna rilevanza”.

Come si dice, una rondine non fa primavera, così come una sentenza riguarda solo un caso concreto, ma leggere nero su bianco la propria “innocenza”, fa bene alla propria coscienza, semmai (la coscienza) avesse avuto bisogno di un ulteriore conforto.  Un caro saluto. Carmine
 


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Avatar
Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.