11.9 C
Roma
martedì 18 Maggio 2021

Antonella Botti

Sono nata a Salerno il 3 Marzo del 1959 ma vivo da sempre a Sessa Cilento, un piccolo paese di circa 1300 anime del Parco Nazionale del Cilento. Ho studiato al Liceo classico “Parmenide” di Vallo della Lucania ed ho conseguito la laurea in Lettere moderne. Sono entrata nella scuola come vincitrice di concorso nel 1987, attualmente insegno Letteratura Italiana e Latino al Liceo Scientifico di Vallo della Lucania. Ho pubblicato due testi di storia locale: "La lapidazione di Santi Stefano" e "Viaggio del tempo nel sogno della memoria". Da qualche mese gestisco un blog, una sorta di necessità interiore che mi porta a reagire al pessimismo della ragione con l’ottimismo della volontà. I tempi sono difficili: non sono possibili "fughe immobili".

Antonella Botti

Sono nata a Salerno il 3 Marzo del 1959 ma vivo da sempre a Sessa Cilento, un piccolo paese di circa 1300 anime del Parco Nazionale del Cilento. Ho studiato al Liceo classico “Parmenide” di Vallo della Lucania ed ho conseguito la laurea in Lettere moderne. Sono entrata nella scuola come vincitrice di concorso nel 1987, attualmente insegno Letteratura Italiana e Latino al Liceo Scientifico di Vallo della Lucania. Ho pubblicato due testi di storia locale: "La lapidazione di Santi Stefano" e "Viaggio del tempo nel sogno della memoria". Da qualche mese gestisco un blog, una sorta di necessità interiore che mi porta a reagire al pessimismo della ragione con l’ottimismo della volontà. I tempi sono difficili: non sono possibili "fughe immobili".
Advertisment

La Peste di Albert Camus

L'epidemia da CORONAVIRUS ha dato chiaramente la percezione non solo dell'inconsistenza dell'invincibile "lottatore" umano ma soprattutto della fragilità delle sue presuntuose convinzioni. In altre parole l'uomo faber è stato posto di fronte...

Chi sarà il nostro Edipo? (Sofocle, Edipo re)

"La città, come vedi tu stesso è scossa dai marosi e non può risollevare il capo dai gorghi della burrasca di sangue: si spegne nei germi che chiudono i frutti della terra,...

Anche un virus può divenire un’opportunità

Sono i giorni del codiv19, giorni in cui con le nostre fragili certezze e la nostra paura restiamo al chiuso nel nostro piccolo ma rassicurante mondo domestico. Chi avrebbe potuto sospettare, appena qualche...

LA MASCHER (ina)

Non c'è niente di più classico e contemporaneo della maschera, in questo "tempo virale". La maschera è stata un'invenzione del mondo antico, di quello greco. Era indispensabile nelle rappresentazioni teatrali, un elemento...

L’Italia al tempo del Coronavirus

La peste come malattia contagiosa e nello stesso tempo come metafora del male morale è stata un topos della letteratura di tutti i tempi da Tucidide e Lucrezio a Boccaccio, Manzoni fino...

Socrate e la legge

Siamo nel 399 a.C., nell'Atene della Restaurazione democratica dopo la cacciata dei Trenta Tiranni, Socrate viene accusato di empietà e processato davanti ad una giuria composta da 501 cittadini. Sarà condannato con...

A proposito delle regionali in Emilia Romagna…

A proposito delle regionali in Emilia Romagna: chi ha perso, non perda la lezione. "Quando si parte il gioco de la zaraColui che perde si riman dolenteRepetendo le volte e tristo impara;Con l'altro...

Il Codice di Perelà (A. Palazzeschi) e l’omino di fumo

Ultimamente lo scenario politico mi riporta, quasi istintivamente e costantemente, ad un personaggio "equivoco" di un'opera di Palazzeschi "Il codice di Perelà". Perelà è un omino di fumo, uscito dalla cappa di...