27.5 C
Roma
lunedì 3 Agosto 2020

Eugenio Santoro

È nato a Roma nel 1938 da famiglia calabrese, e si è laureato a Roma nel 1962, ottenendo la libera docenza nel 1968. Ha svolto tutta la sua vita professionale a Roma. Dopo essere stato per dieci anni allievo e assistente del professor Paride Stefanini, dal 1976 ha diretto per oltre trenta anni le Divisioni di Chirurgia generale ed i Dipartimenti chirurgici degli Ospedali romani Cristo Re, Regina Elena e San Camillo, operando oltre 20.000 malati soprattutto per patologie oncologiche digestive. Ha insegnato nelle Università di Roma La Sapienza, Cattolica e UNItelma. Nel 2001 ha creato un Centro trapianti di fegato all'istituto Regina Elena dove ha realizzato il primo trapianto epatico in Italia in un paziente sieropositivo.Nel 2004 gli viene conferita la Medaglia d'oro della sanità pubblica. È stato presidente della Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani dal 1993 al 1996, presidente della Società Italiana di Chirurgia dal 1998 al 2000, presidente della International Gastric Cancer Association dal 2005 al 2007 e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità dal 2006. È presidente della Fondazione San Camillo-Forlanini dal 2012. Membro onorario di molte società scientifiche di paesi esteri e dei board di riviste nazionali ed internazionali di chirurgia, ha presieduto congressi italiani e internazionali di chirurgia. È autore di oltre 200 pubblicazioni scientifiche su argomenti di chirurgia e oncologia e di 7 libri. Ha anche pubblicato saggi e articoli di storia, sociologia, politica e due romanzi. È sposato ed ha tre figli.

Eugenio Santoro

È nato a Roma nel 1938 da famiglia calabrese, e si è laureato a Roma nel 1962, ottenendo la libera docenza nel 1968. Ha svolto tutta la sua vita professionale a Roma. Dopo essere stato per dieci anni allievo e assistente del professor Paride Stefanini, dal 1976 ha diretto per oltre trenta anni le Divisioni di Chirurgia generale ed i Dipartimenti chirurgici degli Ospedali romani Cristo Re, Regina Elena e San Camillo, operando oltre 20.000 malati soprattutto per patologie oncologiche digestive. Ha insegnato nelle Università di Roma La Sapienza, Cattolica e UNItelma. Nel 2001 ha creato un Centro trapianti di fegato all'istituto Regina Elena dove ha realizzato il primo trapianto epatico in Italia in un paziente sieropositivo.Nel 2004 gli viene conferita la Medaglia d'oro della sanità pubblica. È stato presidente della Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani dal 1993 al 1996, presidente della Società Italiana di Chirurgia dal 1998 al 2000, presidente della International Gastric Cancer Association dal 2005 al 2007 e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità dal 2006. È presidente della Fondazione San Camillo-Forlanini dal 2012. Membro onorario di molte società scientifiche di paesi esteri e dei board di riviste nazionali ed internazionali di chirurgia, ha presieduto congressi italiani e internazionali di chirurgia. È autore di oltre 200 pubblicazioni scientifiche su argomenti di chirurgia e oncologia e di 7 libri. Ha anche pubblicato saggi e articoli di storia, sociologia, politica e due romanzi. È sposato ed ha tre figli.
Advertisment

La società dello spettacolo

   C’era una volta Cavallo Pazzo, era per così dire, un eroe della prima Repubblica, non era il famoso Capo pellirossa, ma ne aveva i capelli lunghi, il profilo duro,...

La società dello spettacolo

C’era una volta Cavallo Pazzo, era per così dire, un eroe della prima Repubblica, non era il famoso Capo pellirossa, ma ne aveva i capelli lunghi, il profilo duro, la...

Gli Stati Generali formato 2020

Il Presidente del Consiglio quando ha indetto lo gli Stati Generali dell’economia non poteva non conoscere la plurisecolare storia di questo tipo di assemblea che i Re di Francia convocavano...

Non siamo cinesi

Sino alla metà del 20º secolo la Cina per noi italiani era quella di Marco Polo, quella delle grandi dinastie, dei favolosi e misteriosi imperatori, delle sete pregiate. Poi venne...

Ibernazione virale

Roma, fase due: nostalgia del lockdown! Com’era bella la città di quei giorni. Riviveva, mutatis mutandis, la Roma sparita degli acquarelli di Roesler Franz, di oltre un secolo fa.

Medici senza frontiera: onore ai caduti

Il 24 maggio 2020 non celebriamo, forse perché lontana 105 anni, l’entrata in guerra dell’Italia nel 1915 cantata da E.A. Mario nella Canzone del Piave: il Piave mormorava calmo e...

2020: Annus Horribilis

Non sono certamente pochi gli italiani inorriditi dalle discussioni "politiche" di questi ultimi mesi intorno al coronavirus, ai relativi provvedimenti del Governo alle persone dei singoli Governanti, alla semantica delle...

Fase 2: che prevalga il buon senso!

È bastato che il povero Conte facesse il nuovo decreto perché i suoi oppositori politici si scatenassero contro! Eppure il Premier non lo aveva fatto di testa sua perche’ certamente...