lunedì 24 Giugno 2024

Giampaolo Sodano

Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.
Advertisment

Giampaolo Sodano

Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.
Advertismentspot_img

In onore di Italo Arieti

2018 anno del cibo italiano: un ricordo di Italo Arieti. In questo 2018, anno del cibo italiano, cade il primo anniversario della morte di Italo Arieti, gastronomo, politico e pediatra. E’ stato un...

Tutela del consumatore. Occorre sapere come è fatto il cibo! E va scritto in etichetta.

C’è bisogno di nuove regole. Troppe frodi, troppi prodotti truccati, troppi danni alla salute. La domanda e l’offerta non possono stare in un libero mercato in cui è facile truffare il cittadino,...

Nell’anno del cibo italiano la “rivoluzione dei consumatori” è fatta di diritti della persona

8 anni di recessione hanno cambiato molte cose. Ma sembra che lo abbiamo già dimenticato. Forse è il frastuono di una campagna elettorale che si annuncia brutta e che è partita peggio. Abbiamo...

Anno nazionale del cibo, ora dobbiamo fare un’operazione verità

Occasione interessante ora che abbiamo un anno dedicato al cibo ed alla qualità Uno stato di confusione, anche di paura per il futuro, attraversa questa fase della nostra storia. È come se sulla...

2018 Anno Nazionale del Cibo italiano: se non è solo celebrazione noi abbiamo una proposta

I ministri Dario Franceschini e Maurizio Martina hanno proclamato il 2018 Anno nazionale del cibo italiano. “Si punterà sulla valorizzazione dei riconoscimenti Unesco legati al cibo: la Dieta Mediterranea, la vite ad alberello...

2018 anno europeo del Patrimonio Culturale: noi di Moondo ci siamo!

Ci sono Anni Europei che si ricordano ed altri che passano senza lasciare traccia. Il 2018 sarà l’Anno europeo del patrimonio culturale.   Ne hanno parlato al Forum europeo della cultura a Milano il Presidente...

Lettera aperta al Sindaco di Roma Virginia Raggi

Sono trascorsi 514 giorni dalla Sua elezione a Sindaco della città Capitale. Un tempo sufficiente per fare un primo sommario bilancio delle cose fatte e di quelle non fatte. Sarebbe certamente cosa...

Da che mondo è Moondo

“Da che mondo è mondo”: l'espressione spesso ricorrente nel linguaggio comune sottolinea implicitamente il persistere di modi di essere, principi, regole non scritte presenti fra gli uomini da tempi immemorabili. A queste passate...