22.5 C
Roma
venerdì 22 Ottobre 2021

Stefania Conti

Giornalista. Nata a Roma e laureata in sociologia, ha lavorato presso (in ordine cronologico): Adnkronos, Il Messaggero, Tg2.

Stefania Conti

Giornalista. Nata a Roma e laureata in sociologia, ha lavorato presso (in ordine cronologico): Adnkronos, Il Messaggero, Tg2.
Advertisment

8 settembre: come è potuto accadere?

Renzo De Felice ha definito l’8 settembre “la morte della patria”. Molti anni dopo l’allora presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha spiegato che era la morte di una certa idea della...

Vacanze intelligenti

Alla fine degli anni 70 il settimanale l’Espresso lanciò la moda delle “vacanze intelligenti”. Formula lessicale assai azzeccata, da vedere se altrettanto lo sia stata la formula fattuale. Le vacanze intelligenti consistevano...

Il commercio dei capelli

La leggenda narra che Elva (prov.Cuneo) sia stata fondata da quattro briganti in fuga, alla ricerca di un posto nascosto e inaccessibile, ma in grado di garantire la possibilità di vivere. Non potrebbe...

La verità non si può cancellare

Tangentopoli sta per compiere 30 anni. Si disse che era una rivoluzione di velluto, i magistrati che indagavano erano celebrati come eroi, l’Italia volta pagina – si gridava nelle piazze. In realtà...

Domani, un romanzo “maturo” con protagoniste tre città: Beirut, Sihanoukville, Sarajevo

Corrado Ruggeri è stato per 30 anni inviato speciale del Corriere della Sera e capo dell’edizione romana. Ama perdutamente viaggiare (è stato in più di 80 paesi) e scrivere di viaggi. Domani...

Mascherina: protettiva, ma non non solo…

Ormai la portiamo tutti da un anno. La mascherina è entrata nella nostra vita quotidiana e anche se è oggettivamente fastidiosa, ci siamo rassegnati. Ma al di là della ffp2 e quella...

Da sole a sole: la storia di Argentina Altobelli

Da sole a sole. Non è l’indicazione di un romantico appuntamento, ma il modo per definire una storia durissima: lavorare nei campi dal sorgere del sole fino a quando non tramonta. Ovvero 12,...

A Roma l’ATAC va in fumo

Prendere l’autobus a Roma, oggi, fa venire in mente quello che cantava er Sor Capanna, stornellatore romano: “chi adesso monta in tranve o gente miaSarebbe mejo prima d’annà drentoChe dasse un bacio a...