15.8 C
Roma
lunedì 19 Ottobre 2020

Stefania Conti

Giornalista. Nata a Roma e laureata in sociologia, ha lavorato presso (in ordine cronologico): Adnkronos, Il Messaggero, Tg2.

Stefania Conti

Giornalista. Nata a Roma e laureata in sociologia, ha lavorato presso (in ordine cronologico): Adnkronos, Il Messaggero, Tg2.
Advertisment

Sognando Rania, il nuovo romanzo di Lucia Pozzi da leggere tutto d’un fiato

Avere un sogno. Anzi due. Forse tre. E perseguirli con passione, tenacia, ottimismo anche quando tutto sembra remare contro. Questa è Sara, la protagonista del libro di Lucia Pozzi Sognando...

Ricostruzione dopo il coronavirus come il dopo guerra? Adriano Olivetti

Se il termine utopia avesse bisogno di un volto, quel volto sarebbe di Adriano Olivetti. Imprenditore, editore, sognatore, ingegnere, urbanista, filosofo, filantropo. Politico di una politica che...

Ugo Forno, eroe bambino

Quando l’italia entra in guerra, Ugo Forno ha otto anni. E' un bambino come tanti altri cui è stata rubata l’infanzia da un conflitto che è entrato nelle case, che...

La ricostruzione dopo il coronavirus come il dopo guerra? Enrico Mattei

Anche di uomini come Enrico Mattei in Italia deve essersi rotto lo stampo. Un tornado, uno tzunami che rivolta come un calzino il modo di fare economia in Italia. Audace,...

Giacomo Brodolini: chi era costui?

Il 20 maggio c’è stata la celebrazione dei 50 anni dalla nascita dello Statuto dei Lavoratori, e non un giornale o telegiornale (a meno che qualcosa non ci sia sfuggito,...

Luci a San Siro

<Prenditi pure quel po’ di soldi, quel po’ di celebrità, ma dammi indietro la mia 600 i miei vent’anni e la ragazza che tu sai.> Il cantautore...

La ricostruzione dopo coronavirus come il dopo guerra? Terza puntata

Leggi qui il secondo articolo della serie "Dopo coronavirus come il dopo guerra". Una immagine tanto sobria da diventare possente. Il 25 aprile il presidente della...

Ricordiamo i piccoli eroi

Una porta si apre di notte. Una donna mette il dito sulla bocca per fare il segno del silenzio. Lui si guarda intorno: non c’è nessuno, può entrare.