12.6 C
Roma
lunedì 12 Aprile 2021

Lettera da Lettera da Napoli Napoli: cosa fare per il lungomare

Napoli: cosa fare per il lungomare

Autore del contenuto

di Raffaele Aragona

Si è detto tanto sull’effetto delle mareggiate delle scorse settimane, ci si è molto soffermati sulla questione dell’arco borbonico (che borbonico non era) dilungandosi in questioni storico-filologiche che certamente lo riguardano. Osservando in concretezza la questione, però, non pare che questo sia il principale problema creato dalle libecciate, le quali hanno spazzato via un po’ di tutto sul lungomare. Il libeccio, però, non ha colpa, è innocente! I colpevoli sono tanti: sono coloro che non hanno avuto rispetto della strada concedendo troppo e nulla prevenendo.

Per quanto possa apprezzarsi il proposito della ricostruzione dell’arco, la cosa è poco rilevante, trattandosi, in fondo, di qualcosa di non elevato valore, né artistico né architettonico, ma soltanto di una testimonianza del passato. Resta principalmente da rilevare se sussista una sua funzione, per esempio quella di evitare, in caso di mareggiate, l’ingresso di acqua di mare in risalita nel canale fognario e di provvedere di conseguenza.

mare di Napoli
Lungomare di Napoli

Da quanto accaduto nasce, però, l’occasione e la necessità di “proteggere” il lungomare, via Partenope in particolare, da ogni genere di aggressioni. Fin dal primo apparire a Palazzo San Giacomo, de Magistris ha concentrato la sua attenzione su quel tratto costiero, ospitandovi eventi svariati, quasi sempre nocivi per l’immagine della città. Un’attenzione iniziata col tentativo di pedonalizzare via Caracciolo, interdendo al traffico automobilistico una primaria arteria di scorrimento e un’essenziale via di fuga. Fu soltanto il crollo di un’ala di Palazzo Guevara a far cancellare quel dispositivo che pure era stato valutato come implicante una rilevante perdita economica e un consistente aumento dell’inquinamento dell’intorno, così come avvenuto con la pedonalizzazione della sola via Partenope; la recente chiusura della galleria della Vittoria ha costretto l’amministrazione a cambiare rotta ancora una volta, riaprendo la strada alle auto. Sembra quasi che le avversità giochino a correggere gli errori.

Porto di Napoli
Porto di Napoli

La recente mareggiata ha sconvolto buona parte di via Partenope con danni a parapetti, balaustre, pavimentazioni oltre che alle strutture amovibili, la cui sistemazione fu consentita nonostante i vincoli paesaggistici esistenti sul lungomare. L’amministrazione dovrà ora impegnarsi a riparare tutto ciò, senza baloccarsi in progetti come quello del contestatissimo restyling di via Partenope. Sono lavori urgenti che, come ha scritto Fabio Mangone su queste pagine, «devono costituire l’occasione per una riflessione finalmente concreta e seria sul lungomare»; e Mangone continua chiedendo «di sapere se, a fine sindacatura, dopo la sfortunata (o fortunata?) chiusura del tunnel, vale ancora la necessità di una completa pedonalizzazione, se ha ancora credito la visione populista del lungomare liberato».

Quella di oggi è l’occasione per interventi che contemperino le varie esigenze e destinazioni di via Partenope: quella di apertura al traffico automobilistico per le giuste e ordinarie esigenze di circolazione, oltre che come via di fuga, quella del passeggio e anche quella della ristorazione, a patto, però, di una coordinata e contenuta valutazione degli spazi a ciò destinati.

Napoli
Napoli

Ci si augura che, pur in dipendenza dei pochi mesi ormai a disposizione di questa Giunta, dimenticando ogni effimero progetto, si pensi all’idonea sistemazione di quanto è andato distrutto e, di concerto con gli Enti competenti, anche a una più efficiente protezione della linea di costa. Un intervento la cui necessità è pure contenuta in un documento risalente al 2009 nel quale veniva ben evidenziato il pericolo di mareggiate sul tratto di via Partenope. Un allarme rimasto nel cassetto per oltre dieci anni, senza aver mai dato luogo ad alcun provvedimento. Anni nei quali è stata anche messa a repentaglio l’incolumità di persone incentivando, di contro, l’occupazione di buona parte di quell’area da parte di attività di ristorazione, con strutture irrispettose di qualsiasi decoro, prive di un organico progetto e in spregio a quello che è sempre stato ideato e considerato un luogo elegante. Per la completa protezione della linea di costa, sarebbe auspicabile la rimozione delle scogliere a ridosso del muro di ripa parabolico e la realizzazione di scogliere soffolte tali da costituire una valida barriera all’aggressione del mare. E sarebbe auspicabile che tutto ciò diventi argomento di discussione da parte dei candidati alle prossime amministrative, nonché delle forze politiche e civiche che li sostengono; e resta da sperare che da questi ultimi eventi possa nascere un ricostituito decoro per quella che si vorrebbe continuare a pensare come la più bella passeggiata del mondo.

Leggi anche
Il crollo annunciato dell’arco






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.