12 C
Roma
domenica 28 Novembre 2021
In evidenza Il cliente non ha piu' "sempre ragione"

Il cliente non ha piu’ “sempre ragione”

Autore del contenuto

[GTranslate]

A causa della pandemia i negozi di abbigliamento e calzature, supermercati e ristoranti (oltre che tassisti, parrucchieri e scuole) se devono scegliere tra perdere un cliente o perdere un impiegato, preferiscono perdere il cliente.

Le statistiche sono implacabili: negli Usa servono 8,2 milioni di lavoratori ma solamente nel mese di aprile hanno lasciato il posto 650.000 persone nel settore delle vendite al dettaglio. Per far fronte alla carenza di lavoratori, alcune società, come Amazon, offrono addirittura premi di 1.000 dollari al momento dell’assunzione.

La “grande fuga” dei lavoratori é oggi un argomento quotidiano di giornali e talk show radiofonici. “The retail worker exodus”, ad esempio, é il titolo di un recente programma radiofonico molto seguito su Wnyc, dove si é spiegato che il basso livello degli stipendi (seppur con i dovuti benefici sindacali) sia uno dei dei motivi.

Si é spiegato anche che il problema é acuito dal fatto che alcuni lavoratori, precedentemente occupati, guadagnano uguale o anche di piú con il sussidio di disoccupazione (finché sará possibile riceverlo). Ma si é anche detto che ció non riflette tutta la panoramica. Ci sono altri fattori, come le preoccupazioni per la propria salute, tipo quando si sta a contatto con clienti irascibili che non indossano le mascherine e non rispettano la distanza sociale. Un ospite del programma radiofonico su Wnyc ha affermato che l’atteggiamento dei clienti deve cambiare: gli scostumati, gli esigenti, gli irascibili e gli insoddisfatti non sono piú tollerati.

Oggi se un cliente esige che l’addetto al banco pesce gli incarti mezzo chilo di sogliole, ma quel peso deve riferirsi a quando saranno cucinate (fatto veramente accaduto), il manager del supermercato accompagnerà personalmente il cliente all’uscita.

Uno chef-ristoratore italiano con tre ristoranti a New York City non riesce a farli lavorare a pieno regime per la mancanza di personale, che dice di voler pagare bene e con pieni benefici. A peggiorare la situazione c’é anche il fatto che il governo americano attualmente non rilascia visti a lavoratori italiani che verrebbero richiamati dal ristoratore legalmente.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.