9 C
Roma
giovedì 4 Marzo 2021

Il piacere dei sensi Il doppio si addice all’enigma

Il doppio si addice all’enigma

Autore del contenuto

L’accostamento di due enunciati, che singolarmente ammettono la doppia lettura, obbliga, apparentemente, ad assegnare un’interpretazione precisa a ciascuno dei due; nella sostanza l’ambiguità permane, se mai raddoppiata, con un effetto paragonabile a quello, visivo, del trompe-l’oeil. È come un gioco di dissolvenze, in cui all’apparire di un significato scompare l’altro; è lo stesso magico effetto che genera l’osservare il disegno di un cubo, il quale appare sdoppiato mostrando alternativamente le tre facce concave e le tre convesse.

Un effetto che ricorda alcune opere di Arcimboldo: basta avvicinarsi al dipinto o allontanarsene perché questo riveli una figura umana o un ricco assortimento di fiori e frutta, un ritratto o una natura morta, l’arcigno volto di un bibliotecario o una mescolanza di oggetti di carattere librario.

Un’ambiguità della figura non dissimile dal doppio soggetto che caratterizza il moderno enigma. Questo di chi scrive, è un esempio di scrittura a duplice significato: a una prima lettura riferibile all’isola di Capri se ne può affiancare un’altra riferita, invece, al “lettino d’ospedale”:

Capri

Lì dove la costa spezzata
par che trovi la quiete,
tra bagliori d’argento,
è distesa la rete;
lei or offre il suo grembo
di molle flessuosa natura:
picchi e spianate ai suoi piedi
son traccia di calde effusioni
grado a grado segnate nel tempo.
In un vano silenzio,
al rumore ovattato degli zoccoli,
uno sguardo s’attende
paziente e una carezza
che cadano sul viso dolcemente
a lenire quell’ansia
– un lamento del corpo,
un tormento del cuore –
e al bacio desiato
s’accostano le labbra
di chi si vuol bene.
Tra le sponde assolate,
tra il chiarore di lembi
e di candide vele
e di pizzi merlati
e dell’onda che frange,
tra le sagome bianche
di vergini amanti,
tra aneliti per nulla sopiti
e sbuffi di vento,
si ritrova l’affetto;
mentre intanto la vita,
scorre lenta e monotona
in un riposante abbandono,
tutt’intorno ora sale
un etereo sapore di sale.
Dalla piccola piazza,
proprio al centro del mondo,
ci si scosta soltanto
verso via Camerelle,
(disimpegno totale)
per una passeggiata al Quisisana.

Se ne espone di seguito una “traduzione in chiaro”.

Nel luogo dove una costola rotta pare finalmente trovare riposo, tra riflessi metallici, è disposta una rete da letto: naturalmente flessibile (è fatta di molle), essa ora mostra il proprio incavo accogliente. Ai piedi del letto, un grafico, con punte e tratti stazionari, mostra l’andamento dei gradi di temperatura del paziente (la prima lettura rinvia invece alla formazione geologica superficiale dell’isola di Capri, costituita da prodotti effusivi di natura vulcanica).

Nell’ambiente è silenzio, salvo l’attutito rumore degli zoccoli abitualmente calzati da medici e paramedici: si attende il passaggio del primario che visiti e conforti il paziente, sia pure con una leggera carezza, aiutandolo a superare il suo malore, una forma depressiva, un dolore fisico, un male cardiaco; la bocca di colui che si vuole ritorni a star bene si accosta alla desiderata pozione da assumere.

Tra le sponde del lettino posto in modo isolato, tra la linda e spiegata biancheria (dotata ai lembi di frange e merlettata ai bordi), tra amorevoli infermiere vestite di bianco, con affanni non ancora risolti e tra apparecchiature dispensatrici di ossigeno, si ritrova il malato; intanto, tra le sale (dell’ospedale), tra l’odore di etere e di sali medicinali, la vita va avanti in ozioso riposo.

Dal piccolo letto, all’interno di un ambiente sterile, traversando il corridoio di disimpegno alle piccole camere dei degenti, ci si allontana soltanto per una breve passeggiata all’interno del luogo di cura del quale può dirsi: «Qui si sana».

È una contrainte semantica abitualmente praticata dall’autore di enigmi; egli percorre il proprio labirinto nel quale la struttura è determinata dalle diverse possibilità di significato che, nella lingua italiana, può assumere un vocabolo o addirittura un’intera frase; la regola “costringe” a scrivere un testo riferibile contemporaneamente a due soggetti diversi.

Leggi anche
Forse che sì, forse che no
Il fascino del doppio
Frasi a doppia faccia






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.