33.5 C
Roma
mercoledì 10 Agosto 2022
Lettera daL'America affronta male Omicron

L’America affronta male Omicron

Autore del contenuto

Sembra quasi che a dirigere le emergenze Omicron negli Stati Uniti sia arrivato il ministro italiano della Salute Roberto Speranza. Il caos é totale: i media tradizionali, specialmente televisivi, fanno una campagna terroristica per cercare di recuperare un pó di lettori e spettatori con servizi sensazionalistici e senza un minimo di equilibrio. I non-vaccinati stanno causando problemi agli ospedali ed una seria minaccia alla salute pubblica.

I governanti (a livello statale e federale) cambiano opinione ogni giorno (prima 10 giorni di isolamento per i contagiati, poi solo sette, anzi solo cinque). C’é anche confusione sulla pronuncia: “Omnicron” invece che Omicron.

Alcuni esperti ritengono che Omicron sia molto contagiosa anche perché i sintomi sono lievi e molte persone non sanno nemmeno di essere positivi.

Altri esperti citano il numero elevato di contagi, senza specificare il numero esiguo di ricoveri per i vaccinati. I pazienti con patologie pre-esistenti si arrabbiano perché i non-vaccinati occupano letti che spetterebbero a loro, altri addirittura vorrebbero che i volutamente e testardamente non-vaccinati non vengano nemmeno ammessi negli ospedali pubblici.

Alcune persone propongono che le spese mediche dei non-vaccinati vengano addebitate a loro o che almeno vengano aumentate le polizze delle assicurazioni sanitarie (il costo medio per ogni ricoverato con Covid in ospedale é di $24.033). Dopotutto ci sono anche no-vax contagiati che, seppur ricoverati nei reparti di terapia intensiva, insistono nella loro propaganda contro le vaccinazioni (come nel montaggio fotografico). Questo pur sapendo che l’85% dei ricoverati in ospedale non é vaccinato (fonte: Paterson Center on Health Care) e che il 98% dei decessi per Covid non é vaccinato (fonte: Augusta University).

Poi c’é da gestire la carenza di personale per tanti servizi, come le consegne, i viaggi aerei, gli infermieri, i lavoratori dei supermercati, il corpo insegnante, che si trovano in quarantena (ed ecco perché la riduzione del periodo di isolamento).

E c’é anche il fattore dei lunghi tempi richiesti per i tamponi molecolari e la scarsitá di quelli rapidi (antigenici) a causa delle tante persone che pensano di esser state esposte al contagio e vogliono tamponarsi. Qui interviene il dilemma: se ci si tampona subito il test potrebbe uscire negativo perché occorrono almeno tre giorni per far emergere il virus, se ci si tampona con l’arrivare dei sintomi, il contagiato é giá infettivo.

Naturalmente il problema potrebbe attenuarsi con l’uso diffuso della mascherina, ma alcuni americani pensano che infettare (e potenzialmente uccidere) il prossimo, faccia parte della loro libertá individuale.

Per i viaggi aerei, negli Usa si sta creando ancor piú confusione. Basterebbe richiedere il certificato di vaccinazione e la mascherina nei voli nazionali e, in aggiunta, mostrare il risultato negativo di un tampone per i voli internazionali, e si aumenterebbe di molto la sicurezza sanitaria in volo. Invece no. Le linee aeree americane richiedono solamente di indossare la mascherina a bordo, e per i voli internazionali richiedono una serie di auto-certificazioni che al momento del check-in vengono scarsamente controllate. Il bello, anzi il brutto, é che per i tamponi a livello privato é ormai in atto una speculazione selvaggia. A New York City un turista straniero paga fino a $150 per un test rapido in farmacia. Se eseguito in aeroporto il costo lievita a $200.  






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.