29.9 C
Roma
lunedì 2 Agosto 2021

Il piacere dei sensi L’enigma à boule de neige

L’enigma à boule de neige

Autore del contenuto

È interessante l’incontro tra l’enigmistica italiana e la letteratura potenziale. Questa, si sa, nasce da quel “laboratorio” francese dell’Oulipo (l’Ouvroir de Littérature Potentielle) nato dalla felice aggregazione di letterati appassionati di scienze esatte e di matematici amanti della letteratura. L’attività degli oulipiani è stata sempre tesa alla ricerca di nuove forme di far poesia, di fare letteratura, sperimentando vie nuove e nuove costrizioni. Costrizioni spesse volte formali ma, in ogni caso, per gli oulipiani il gioco è fatto allorché, assunto un determinato vincolo, vien fuori un prodotto tutto costruito nel rispetto di quella regola.

Una della tante acrobazie di questi giocolieri francesi della parola è la boule de neige, originale composizione nella quale si assiste al continuo dilatarsi della scrittura in virtù dello scritto formato da parole dal numero di lettere sempre crescenti di una sola unità (proprio come una palla di neve…). La tecnica è in qualche maniera riconducibile a quella del classico technopaegnion, un carme figurato costituito da una serie di versi di differente lunghezza, che generano nel loro insieme un disegno. L’effetto è meglio assicurato da una visione a distanza della massa scritta, che, in tal modo, più nettamente si staglia sullo sfondo bianco della pagina.

Gli enigmisti sono però più esigenti, in quanto non si accontentano generalmente della sola restrizione formale; questa, se c’è, non rimane mai fine a sé stessa, ma diventa il pretesto, il punto di partenza per tessere su di essa le trame di una vera e propria bivalenza semantica. È certamente più sofisticato, ad esempio, il risultato di questo enigma di Paolo Marucchi, nel quale la doppia significazione viene addirittura dichiarata nella stessa figurazione del testo.

Leggi anche
La bella Lisetta e le storielle di Fellini






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.