27 C
Roma
domenica 19 Settembre 2021

In evidenza L'illogicità del "Travel Ban" negli USA per gli italiani

L’illogicità del “Travel Ban” negli USA per gli italiani

Autore del contenuto

Per via della pandemia, oggi negli Usa possono arrivare cittadini da Taiwan, Brunei e Andorra, ma non quelli dall’Italia e gli altri 25 paesi dell’area Schengen. Dal marzo dell’anno scorso gli Usa hanno imposto un “travel ban” (o divieto di viaggio) da alcuni paesi considerati a rischio per ridurre le possibilitá di trasmissione del Covid-19, e tra questi l’Italia (e tutti i paesi dell’area Schengen).

Dopo 19 mesi questo “ban” non é stato ancora rimosso, nonostante l’Italia non sia piú un paese a rischio, anzi, lo é molto meno di alcuni stati americani come il Tennessee (87 infettati per 100.000 abitanti ed il 41.5% vaccinati) e la Florida (53 infettati per 100.000 abitanti ed il 52.6% vaccinati).

Per arginare questa “idiozia” il governo americano, invece di aggiornare la lista, ha pensato di tamponare il “travel ban” con il National Interest Exception (NIE) per alcuni paesi che godono del Visa Waver Program (VWP), cioé quelli che non hanno bisogno di visto per brevi visite negli Usa.

Quindi dall’Italia, che é uno dei 39 paesi nel VWP, possono entrare negli Usa solo cittadini che si qualificano per il NIE, un programma che include otto principali categorie, tra cui giornalisti, studenti, rappresentanti governativi, accademici e ricercatori. Il NIE esclude anche turisti e quegli italiani che vorrebbero recarsi negli Usa per affari o per partecipare a conferenze e fiere.

Per ottenere l’autorizzazione NIE un cittadino italiano che vorrebbe viaggiare negli Usa deve recarsi all’Ambasciata o al consolato americano per la richiesta ed il rilascio é a discrezione del funzionario consolare. 

L’alternativa al NIE per i cittadini dei paesi con il VWP come l’Italia sarebbe, prima di entrare negli Usa, trascorrere 14 giorni in uno dei paesi che non hanno il “travel ban”, come Messico, Giappone, Aruba, oltre a quelli indicati in alto (Brunei, Andorre, Taiwan, ma anche Cile e Slovacchia) e fare il tampone 72 ore prima dell’imbarco.

Per un italiano in Europa il sistema piú semplice per raggirare il NIE si é rivelato essere quello di trascorrere 14 giorni in Turchia (in quanto esente dal travel ban), anche se la Turchia non é tra i paesi nel VWP ed ha un tasso positivitá di 157 per 100.000 persone con vaccinazione al 55,7%.

Per rendersi conto dell’assurditá del NIE per i viaggiatori italiani basta fare il confronto con alcuni degli altri paesi che non si trovano sulla lista del “travel ban”. Con 75 infettati per 100.000 persone ed il 64% della popolazione vaccinata, l’Italia é a minor rischio di Giappone (129 infettati per 100k e 50% di vaccinati), Messico (87 infettati e 33% vaccinati) e Brunei (232 infettati e 33% vaccinati).

Tra i paesi esenti dal “travel ban” che realmente presentano meno rischi dell’Italia vi sono: Cile (con 21 infettati per 100.000 persone e 75.5% vaccinati) e il Canada (con 51 infettati e 71% vaccinati). Questi dati dell’agenzia Reuters risalgono al 29 agosto, 2021 e riportano gli ultimi 7 giorni.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.