Brasserie 4:20: si conferma una birreria inossidabile, punto di riferimento per chi ama la birra e desidera provare tutte le sfumature che il settore brassicolo offre. Tutto ruota intorno a questo mondo, a partire dal birrificio Revelation Cat che qui è di casa. Le decine di spine consentono una varietà di scelta notevole che accontenta ogni gusto con etichette come Ritual Lab, Hopskin, Birrificio Italiano, Eastside, Cr/Ak e tante altre che variano nel corso dell’anno.

Anche nel menù, caratterizzato da una proposta in stile street food tra panini, hotdog, sandwich e insalate, il luppolo è presente come trait d’union dalla preparazione degli hamburger fino ad arrivare ai dolci. Nel corso della nostra visita abbiamo gustato delle gradevoli ali di pollo fritte e insaporite con paprika, dalla consistenza succosa, e delle chips di patate, croccanti e asciutte, con un saporito cheddar fuso. Abbiamo quindi proseguito con un notevole hamburger di Angus affumicato originario dell’Irlanda, fatto in casa con l’aggiunta di luppolo in fiore, cotto alla perfezione, a cui abbiamo abbinato, tra i toppings disponibili, cipolla rossa caramellata e senape di Digione. Gustoso e verace anche l’hotdog artigianale realizzato con carni scelte di suino e di manzo e speziato in modo equilibrato.

Roma: birreria Brasserie 4:20
Roma: birreria Brasserie 4:20

Brasserie 4:20: ambiente

Occupa uno dei magazzini portuali lungo il primo tratto della Portuense, in un ambiente affascinante già di suo per la volta in pietra, arricchito dal grande bancone in legno, con le decine di spine di fronte ai comodi tavoli che raddoppiano nella bella stagione con la terrazza.

Servizio: Si legge il menù, si compila il foglietto fornito di matita e si porta al banco dove si ordina la birra da portare al tavolo in attesa dei piatti. Unica nota in negativo in confronto agli scorsi anni, i ragazzi al banco si caratterizzano da scarsa empatia e poca voglia di far conoscere le birre, cosa basilare in un locale come questo.

Voto 4,5/5

Brasserie 4:20, Via Portuense, 82 Porta Portese – Roma. Telefono 06/58310737

Recensione tratta da “Il Saporario – Roma” de La Pecora Nera Editore.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



La Pecora Nera
Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: