Può sembrare bizzarro, ma la mente e l’anima che sta dietro a una delle creperie più amate di Torino sono quelle di una ragazza di origini colombiane, tale Yolanda Vasquez, che ha ideato e aperto otto anni fa questo bel locale: creperia Adonis. Per la gestione, la preparazione dei piatti e il servizio si è circondata di un team particolarmente eterogeneo e multirazziale, riflettendo bene lo spirito multiculturale e globetrotter del quartiere in cui si trova, San Salvario.

Da Adonis colpisce, infatti, la serietà e la professionalità con cui si preparano le crêpes: realizzate con grande attenzione alle materie prime – per la pastella vengono utilizzate farine macinate a pietra del Mulino della Riviera di Dronero, mentre per la farcitura formaggi di origine francese come camembert, fromage de chèvre, roquefort, prugne d’Agen, burro bretone e confetture – all’impiattamento e al servizio, risultano essere un prodotto buono da mangiare e bello da vedere.

Torino: Creperia Adonis
Torino: Creperia Adonis

Creperia Adonis: i prodotti

Quindi soprattutto crêpes, salate e dolci, con farina normale o di grano saraceno (galette), ma anche un’insalata e un piatto del giorno, come il soddisfacente croque monsieur, dalla porzione molto abbondante composta da tre strati di pan carré farcito di formaggio, bacon, crema di pastinaca e uovo all’occhio di bue.

Sul fronte crêpes salate, ne abbiamo assaggiata una tipicamente francese (Paris) farcita con prosciutto cotto, Gruyère e champignon, semplice e gustosa, e una galette (Yukon) più elaborata, con salmone grav-lax (marinato in casa con zucchero, sale, aneto e spezie), crème fraîche e farcita di patate schiacciate.

La crêpe dolce Mantova con gelato alla zucca, caramello salato e arachidi tostate è stata la perfetta conclusione del nostro pranzo, innaffiato tra l’altro da un buon sidro bretone secco (bottiglia 12€/tazza 4€), gustato in tazze in ceramica come da usanza francese.

Creperia Adonis: Ambiente

Un piccolo locale molto luminoso suddiviso in due sale, con una bella specchiera d’antan all’ingresso e complementi d’arredo un po’ anonimi alle pareti nella seconda stanza. Nella bella stagione è disponibile anche un ampio dehor coperto che affaccia sul suggestivo Largo Saluzzo, uno degli scorci più belli di San Salvario.

Servizio: Attento, competente e disponibile, con tempi di servizio purtroppo non sempre così espressi, ma giustificati da una cura non comune nell’esecuzione dei piatti e nel loro impiattamento.

Voto 4/5

Adonis, Largo Saluzzo, 25/e San Salvario – Torino. Telefono 011/0769491

Recensione tratta da “Il Saporario – Torino” de La Pecora Nera Editore.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



La Pecora Nera
Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: